Partners

Visto che nella sezione modding manca del tutto qualsiasi riferimento ai circuiti delle box DIY, mi è venuta l'idea di iniziare una discussione in merito a questo aspetto.
Partirò dal basso, ovvero da circuiti minimali per le cosiddette "box meccaniche", presentando soluzioni via via più sofisticate.



Il circuito minimalista: troppo minimalista.

La possibilità più semplice che viene in mente è quella di ridurre il circuito elettrico di una box ad un semplice interruttore monostabile (un pulsante) interposto tra la batteria e l'attacco 510, più o meno co
me nella seguente figura
Circuitotropposemplice.jpg

La croce sopra il disegno indica che si tratta di una soluzione assolutamente sconsigliata, vediamo il perché. Se montiamo una resistenza da 0.1 Ohm, a cella LiIon completamente carica, la corrente erogata quando si schiaccia il pulsante si avvicina pericolosamente ai 40 A, in funzione della resistenza interna della cella che stiamo usando mentre con una resistenza da 0.2 Ohm si arriva intorno ai 20 A. Si rende pertanto necessario usare un pulsante che garantisca di reggere correnti di qualche decina di A. Bene, pulsanti del genere esistono anche, ma non sono come uno si aspetterebbe: hanno dimensioni grandi, diciamo non meno di 50 x 30 x 15 mm e costano parecchio. Ce ne sono anche di più piccoli (non troppo) ma non adatti ad un uso continuo e con resistenze di contatto piuttosto elevate (50 mOhm è abbastanza comune). Siccome di solito nei meccanici si vuole risparmiare spazio, si è portati a scegliere pulsanti piccoli fatti per correnti inferiori (solitamente qualche Ampere) e ciò è piuttosto pericoloso in quanto il pulsante si surriscalda quando fà passare corrente e c'è il rischio concreto che quando lo si rilascia, tra i contatti si sviluppi un arco elettrico. Ciò porta alla possibile fusione dei contatti (o parte di essi) con il rischio che l'interruttore rimanga definitivamente in posizione ON con tutte le conseguenze del caso.
Se il pulsante ha una resistenza interna di 50 mOhm, a 20 A deve dissipare 20W e quindi immaginate la temperatura che raggiungerà al suo interno.

Il vero circuito minimalista

Il problema si supera utilizzando un interruttore allo stato solido, ovvero un transistor particolare noto come MOSFET. Si tratta di un componente elettronico a 3 terminali, due dei quali (Source e Drain) si collegano alla linea di corrente, esattamente come si fà con un interruttore, mentre il terzo terminale (Gate) serve a controllare l'interruttore: se collegato al polo negativo l'interruttore è spento (posizione OFF), se collegato al positivo l'interruttore si accende (posizione ON). Per passare da uno stato all'altro si usa un piccolo interruttore meccanico che stavolta deve portare correnti molto piccole e ciò non costituisce un problema.

Riporto nel disegno che segue lo schema del circuito con MOSFET di tipo N.

Circuito 0.jpg schema (2).png

Si osservi che oltre al MOSFET (in alto a sinistra, quello con 3 piedini) è necessario aggiungere una piccola resistenza da 15 kOhm tra il Gate ed il Source. Quando il pulsante non è premuto, tale resistenza collega il gate con il polo negativo della batteria. Non essendoci circolazione di corrente tra gate e source, la tensione al gate è esattamente uguale alla tensione al polo negativo della batteria. Premendo il pulsante il gate viene collegato direttamente al polo positivo della batteria e ciò mette in conduzione il MOSFET ovvero permette la circolazione di corrente tra Drain e Source.

Con questa soluzione l'interruttore deve portare corrente per pochissimo tempo, diciamo qualche milionesimo di secondo o anche meno, fintanto che non si il gate non è carico, dopodichè la corrente di gate sarà nulla (o dell'ordine dei picoAmperes). In linea di principio sarebbe una buona idea mettere una piccola resistenza (20-1000 Ohm) in serie con il gate in modo da limitare la corrente massima nel gate, ma ho notato che nessuno la mette, probabilmente proprio per la brevità di tempo in cui tale corrente circola.

La corrente principale, quella che attraversa la coil deve passare tra Source e Drain del MOSFET e pertanto è necessario scegliere un MOSFET adeguato. Le scelte più diffuse sono il MOSFET IRL3103 da 54 A continui ed il MOSFET IRLB 3034 da 343 A, in realtà da 195 A. Il primo costa poco più di un €, il secondo si paga intorno ai 3€. Consiglio vivamente il secondo e non solo per la maggior capacità di corrente ma perché ha una tensione di soglia tra Gate e Source ed una resistenza interna (RDSON) più bassa del primo. In parole semplici, quando l'interruttore è premuto la resistenza interna tra D ed S dell' IRLB 3034 sarà molto più bassa di quella dell' IRL3103 con la conseguenza che scalderà molto meno. Non pensiate che già i 54A dell'IRL3103 sono troppi per voi, perché quella corrente è tollerabile solo se il MOSFET è adeguatamente raffreddato mediante l'installazione di un ingombrante dissipatore, che nessuno vuole ovviamente mettere nella box.

N.B.
Se la box destinata a contenere il circuito è di metallo, con lo schema considerato nasce un problema. Il corpo del connettore 510 funge da polo negativo ed è elettricamente collegato all'involucro metallico della box. Se la box fosse collegata al polo negativo della batteria, il connettore sarebbe sempre alimentato e quindi pulsante e mosfet verrebbero scavalcati. Siccome può essere conveniente usare l'involucro metallico della box come polo negativo (come nelle automobili), in questo caso si preferisce inserire il Mosfet ( di tipo P-channel) sul polo positivo.



Qualcuno aggiunge al circuito un interruttore bistabile ON/OFF tipicamente di quelli a scorrimento. Si tratta di una ulteriore sicurezza necessaria se il pulsante fire è troppo sensibile ovvero se c'è il rischio di premerlo inavvertitamente ad esempio quando è in tasca. Se però lo switch si mette dentro la box, come fanno alcuni, in pratica non lo si userà mai. In linea di principio dovrebbe essere accessibile dall'esterno ma non troppo facilmente.

Altri aggiungono al circuito un fusibile (magari autoripristinante) per limitare la massima corrente erogabile. Può essere una buona idea ma non è semplicissimo sceglierne la portata. Ad esempio, si potrebbe mettere un comune fusibile da 20A per uso automobilistico (di solito con l'involucro giallo) ma senza illudersi che a 30 A stacchi immediatamente: ci possono volere anche 5 secondi a 30A prima che si interrompa. Purtroppo non serve a nulla nei confronti delle attivazioni accidentali e credo che possa essere utile solo nei confronti dei cortocircuiti se messo il più vicino possibile ai poli della batteria.


Un'aggiunta indubbiamente utile è un piccolo led che si accende durante l'erogazione fintanto che la cella ha una tensione minima di sicurezza.
Ad esempio, supponendo di avere una sola cella 18650, scegliendo opportunamente un led con caduta di tensione di 2.4 V (di solido i led verdi) messo in serie con un diodo con caduta di 0.7 V ed una resistenza da 400/500 Ohm il tutto collegato tra i due terminali del 510. Così facendo, quando la cella è appena caricata, il led emetterà una luce ad alta intensità che andrà scemando man mano che la cella si scarica, fino a spegnersi completamente intorno ai 3 Volt. La scelta giusta del led e del resistore necessita di un pò di sperimentazione affinché il diodo non sia eccessivamente luminoso a cella completamente carica e, soprattutto, non si spenga troppo tardi, ovvero quando la cella è scesa sotto il livello di guardia. Lo spazio occupato dai tre componenti aggiuntivi è davvero piccolo anche usando componenti con terminali a filo. Usando componenti SMD si può ridurre lo spazio occupato a circa mm3, davvero nulla. Tra l'altro il led da 3mm di diametro scomparirebbe completamente nello spessore dell'involucro della box non occupando alcuno spazio interno.

Ecco lo schema del circuito completo di interruttore principale, fusibile e LED.

Circuito 0+.jpg


Al posto del led, se si è disposti a sacrificare un pò di spazio, si può adoperare un voltmetro con un piccolo display led a 3 cifre. Ne esistono versioni a due soli fili e comprato in Cina lo si paga poco più di un Euro.




Eccovi lo schemo elettrico nel caso si usi un Mosfet P-channel


P-Mosfet.png

Pro e contro del minimalismo

Un circuito minimalista ha due vantaggi: occupa pochissimo spazio ed ha la massima efficienza nel senso che praticamente tutta l'energia che la cella è in grado di fornire viene usata per scaldare la coil (solo una quota piccolissima viene dissipata dal Mosfet).

A fronte di ciò gli svantaggi sono enormi:
  • svapata inconsistente in quanto la cella (o le celle) man mano che si scarica perde tensione. Ad esempio usando una coil da 1 Ohm, a cella appena caricata verranno erogati circa 16W, mentre a cella quasi scarica ci si avvicina ai 9W.
  • Per cambiare l'esperienza di vaping bisogna cambiare coil in quanto nessuna regolazione è permessa. Sarà la resistenza della coil e lo stato di carica della cella a determinare la potenza di vaping.
  • Nessuna protezione nei confronti delle attivazioni accidentali: se la box viene inavvertitamente attivata mentre è in tasca o in una valigia continuerà ad erogare bruciando la wick, forse la coil, producendo un fumerone e, nel peggiore dei casi prenderà fuoco o esploderanno le batterie.
  • Nessuna protezione nei confronti delle batterie se non per i cortocircuiti se si usano i fusibili. La batteria può pericolosamente scendere sotto la tensione di guardia.



Note.

Pulsante fire. Esistono centinaia di modelli con prezzi dimensioni molto differenti e con diversi sistemi di montaggio. E' importante che il pulsante sia duraturo e possibilmente con protezione IP68 ovvero protetto dalla polvere e dai liquidi in modo da minimizzare la possibilità che si blocchi in posizione ON. Inoltre non deve essere troppo sensibile ovvero deve servire una forza abbastanza grande per attivarlo, direi non meno di 300 g (3 N). Badate di scegliere un pulsante di tipo NO (normally open= normalmente aperto). Se sfogliate il catalogo Mouser (Interruttori a pulsante | Mouser) selezionando All Products>Electromechanical>Switches>Pushbutton Switches, potete farvi un idea di quanto esiste sul mercato, del prezzo e delle prestazioni.
Per filtrare i pulsanti utili potete selezionare: Contact Form = SPST e Mounting Style = Panel, oltre che un IP rating uguale o superiore all'IP65
Non preoccupatevi troppo della massima corrente sopportabile che non ne serve molta.

Collegamenti elettrici. I collegamenti ringrossati nel disegno sopra ovvero i due fili che escono dalla batteria e quello che collega il 510 al mosfet, devono essere di sezione non inferiore a 1.5mm2 .
Con tale sezione un cavo elettrico può portare 17A indefinitamente. Per quei 5 secondi che dura un tiro può portare ragionevolmente anche il doppio senza scaldarsi troppo.


Un circuito serio


Quello che segue è un circuito classico che si usa in diversi contesti; io, ad esempio, lo uso come interruttore e protezione da inversione di polarità nei robot che costruisco (tutti alimentati da pacchi di batterie LiPo).


Screenshot (1).jpg


Potete osservare che qui, a differenza dei circuiti precedenti, ci sono due MOSFET tipo N (PSMN1R0-30YLC) , invece che uno solo. Ciò garantisce che l'interruttore funziona in entrambi i sensi ovvero anche se per errore invertissimo la polarità delle celle. Con ciò non voglio dire che le celle si possono inserire come si vuole, dico invece che se si sbaglia la polarità non passa corrente (nemmeno premendo il pulsante) evitando così di bruciare la coil.
Nel circuito c'è anche un fusibile per proteggere le batterie da un eventuale corto circuito sul lato carico. I due mosfet indicati reggono 100 A nella concezione originale del circuito, ma usandolo con una sola cella la tensione al gate è troppo bassa per permettere correnti così alte, la qual cosa costituisce una sicurezza in più. Infatti il circuito funziona molto bene fintanto che la tensione di ingresso (della batteria) è superiore a 2.8 V mentre smette praticamente di funzionare (non passa più corrente nemmeno a pulsante premuto) sotto i 2.2V.

Potrebbe sembrare che 2 mosfet + 2 resistenze occupino molto spazio, ma in realtà i mosfet che ho usato sono piccolissimi e per le resistenze si possono usare quelle piccolissime per montaggio smd. Con un pò di cura, il tutto (escluso il pulsante ed il fusibile) potrebbe occupare una superficie di 12mm x 8mm e spessore di circa 3 mm.


Circuiti regolati

Se si vuole variare la potenza di erogazione a proprio piacimento, senza quindi che l'esperienza di svapo sia legata unicamente alla resistenza della coil ed alla curva di scarica delle LiIon, si può adottare un circuito in grado di regolare la tensione.

La prima idea che viene in mente a chi non ha pratica di circuiti è quella di usare una resistenza variabile in serie con la coil, si veda la parte (A) della figura che segue. Si può certamente fare ma la resistenza in serie dissipa inutilmente una frazione della potenza erogata dalla cella. Una soluzione più sofisticata ma altrettanto inefficiente, parte (B) di figura, è quella di pilotare il gate del mosfet mediante un potenziometro. In questo caso si ottiene solo che la potenza viene dissipata dal mosfet invece che dal potenziometro. Diciamo che se uno fosse disposto ad accettare un rendimento molto basso, la soluzione B sarebbe meglio in quanto un mosfet di potenza è in grado di dissipare energia molto meglio di un potenziometro perlomeno a parità di costo dei componenti.

pessime.png


La soluzione vera al problema è quella di un regolatore.
In commercio si trovano regolatori buck, boost ed anche buck-boost combinati.
Un regolatore buck, detto anche step-down, è in grado di fornire in uscita un'ampia gamma di tensioni comprese tra un minimo ed un massimo mai superiore alla tensione di alimentazione. Ad esempio, usando una sola cella LiIon come alimentazione, un circuito buck sarà in grado di erogare potenza a tensioni comprese tra 1V (o anche meno) e la tensione della cella sotto carico, diciamo 3/3.5V per fissare le idee.
Se usiamo due LiIon in serie potremo avere a in uscita tensioni regolate fino a 6/7 Volt circa. Molti regolatori buck erogano a tensioni comprese tra 0.5V e 6 V sempre che la tensione di ingresso sia maggiore o uguale a 6V. I regolatori buck possono raggiungere efficienze molto elevate, anche superiori al 90%. L'efficienza non è costante ma dipende dalla tensione di ingresso e quella di uscita. L'efficienza massima, talvolta superiore al 95% si ha quando la tensione di uscita è di poco inferiore a quella di entrata.

Un regolatore boost è in grado di erogare potenza anche a tensioni superiori a quella di alimentazione e con una cella LiIon da 3.7V si possono tipicamente ottenere tensioni di uscita tra 1V e 9V. I regolatori Boost sono meno efficienti dei Buck, tipicamente inferiori al 90% potendo raggiungere anche valori molto più bassi (60/70%).


Circuiti buck molto usati dai modders sono la serie Naos Raptor di General Electric e la serie Okami di Murata.

I Naos Raptor esistono in diverse versioni: da 10, 20, 30 50 ed anche più Ampere, forniscono in uscita tensioni nell'intervallo 0.59 - 6.0 V e richiedono una tensione di ingresso minima di 4.5V. La tensione di uscita si varia facendo variare una resistenza (usando quindi un potenziometro).

Gli Okami sono disponibili nelle versioni da 10,20 e 30 40 e 60 A e forniscono tensioni tra 0.59 e 5.5 V.

I più gettonati sono

1) OKL T/20 da 100W e 20A di Murata (12 € circa) , ingombro 33x14x9 mm
2) NSR020A0X43Z di General Electric (18€ circa) da 120W e 20A, ingombro 37x18x10 mm circa



Entrambi richiedono una tensione di ingresso minima di 4.5V e quindi necessitano di almeno 2 celle di alimentazione che possono essere 2x18650 oppure 2x18350 o ancora un pacco LiPo 2s.
Entrambi hanno la protezione nei confronti di un cortocircuito del carico, di un eccesso di corrente e del surriscaldamento del circuito stesso.


Molto interessante è anche
3) Murata OKL-T/6-W12P-C (8€ circa), circuito da 30W/6A miniaturizzato che misura 12x12x7 mm.



... work in progress ...
 
Ultima modifica:
200A con una corretta dissipazione.. Ci sarebbe da aprire un argomento anche su questo :)
Verissimo. Ma non è un problema troppo serio con i Power MOSFET che ci sono oggi. Se scegli un MOSFET con 0.5 mOhm di RON , a 100A in continua dissipa 5W che non sono moltissimi per quei 5 secondi che dura l'erogazione. Piuttosto è' l'alta corrente necessaria a caricare/scaricare il gate a preoccupare un pò, ma, considerato che il tempo necessario per lo switch è brevissimo (microsecondi), alla fine l'energia dissipata ( e quindi il calore prodotto) è modesto. Vado a memoria, ma prova a vedere le caratteristiche dei NexFET della Texas oppure ....
 
Ecco, trovato: Infineon OptiMoS Power Mosfet IPT004N03L

300A in continua e 1200A in pulsata con RON=0.4 mOhm, 30 nanosecondi per entrare in conduzione e 150 nanosecondi per chiudersi, il tutto per 3.5€ + IVA per un solo esemplare e sotto i 2€ per 1000+ esemplari.
 
Ultima modifica:
@nuzzo9:

Prima le 2 risposte alle tue domande:

1) il circuito che hai disegnato funzionerebbe, male, ma funzionerebbe perlomeno spostando il pulsante fire sopra (così andrebbe bene per un pnp). Non avresti infatti alcun vantaggio rispetto ad un partitore resistivo messo direttamente sul carico in quanto invece che essere il partiore a dissipare sarebbe il BJT.
A parità di resistenza R della coil per avere una determinata corrente I devi applicare una tensione (ai capi della coil) Vc=R*I. Siccome parti da una tensione Vb (ad esempio 6.6-8.4 con un dual LiIon) in ogni caso devi produrre una caduta di tensione Vb-Vc e che tu lo faccia con un potenziometro o con la resistenza variabile tra collettore ed emettitore di un transistor (in funzione della tensione tra gate e ed emettitore, in un npn) non cambia nulla, dovrai sempre dissipare la potenza (Vb-Vc)*I.

2) I BJT npn hanno bisogno di tensioni abbastanze basse sulla base per entrare in conduzione e pertanto non avresti alcun problema. Direi che sarebbe meglio però usare un MOSFET di potenza con bassa tensione di soglia del gate: ce nè moltissimi che già a 2V sono in conduzione quasi perfetta (logic level MOSFET).


E adesso la vera soluzione:

La soluzione vera del problema si chiama PWM (Pulse Width Modulation) ovvero mettere in conduzione il transistor per brevissimo tempo e poi spegnerlo regolando la potenza in base al duty cycle (rapporto tra il tempo in cui è ON ed il tempo in cui è OFF). Così facendo la potenza dissipata è modestissima (alcuni N-MOSFET hanno resistenza ON inferiore al milliOhm) e puoi arrivare ad efficienze superiori al 98%. Quella piccola quota di potenza dissipata è dovuta alla corrente di gate necessaria per caricarlo/scaricarlo durante i cicli ON/OFF.

Da qui allo step down mediante convertitori switching il passo è brevissimo: basta usare frequenze di PWM elevatissime (diciamo non meno di 100 kHz, ma tipicamente molto di più) ed aggiungere un induttore ed eventualmente un capacitore per regolarizzare l'output (che da semionda quadra diventa così costante o quasi a tensione intermedia).

I circuiti step down più gettonati per il DIY nello svapo sono quelli della sere Naos Raptor di GE (General Electric) e gli OKAMI di MURATA.
Si il tasto fire l ho messo lì perché l ho dimenticato e non volevo ridisegnare lo schema [emoji16]
Cmq non vorrei lavorare con pwm, o meglio quello lo vorrei usare su una elettronica che a breve farò, anche perché senza processore non saprei come fare regolarlo !!
Quindi anche con un mosfet e un partitore posso andare a regolare la tensione? Io sapevo (ho meglio credo di sapere,) che il mosfet apre o chiude il contatto, pensavo che variando la corrente sulla base non cambiasse nulla, ovvero o é aperto o é chiuso

Inviato dal mio ASUS_Z00AD utilizzando Tapatalk
 
Il MOSFET si controlla con una tensione sul gate (non base) ed in funzione della tensione cambia la corrente che attraversa il SOURCE-DRAIN .
Guardati ad ad esempio il primo grafico nel datasheet del famoso IRLB3034:
http://www.infineon.com/dgdl/irlb3034pbf.pdf?fileId=5546d462533600a40153566027b22585


Certo che puoi regolare la potenza con un potenziometro ed un mosfet ma non dimenticare, come già chiarito, che il rendimento è bassissimo perchè fai dissipare al mosfet tutta la potenza relativa alla caduta di tensione che produci.

Faccio un esempio: supponiamo che la cella sia a Vb=4V, la resistenza R sia di 0.5 Ohm e tu vuoi svapare a P=18W corrispondenti a I=6A (P= R* I2). La potenza erogata dalla cella sarà Vb*I=4*6=24W di cui ne usi 18 per svapare (ed i rimanenti 6W vengono dissipati dalo MOSFET); il rendimento è 18/24=0.75= 75%. Se svapi a 15W il rendimento scende al 68% e a 12W sarà del 61%.
 
Ok quindi una vera ciofeca... e come si può fare un pwn basilare? Io contavo di farmi la siga al massimo con 30 40 euro

Inviato dal mio ASUS_Z00AD utilizzando Tapatalk
 
Ultima modifica di un moderatore:
@nuzzo9
Guarda che un MURATA OKAMI da 20A costa circa 12€ + IVA, puoi regolare l'output tra 0.7V e 5.5V (se usi 2 celle LiIon in serie) ed ha un 'efficienza mostruosa, qui trovi ilo datasheet: http://www.mouser.com/ds/2/281/okl2-t20-w12-472031.pdf

Usi un potenziometro da 15k (1€) per regolare la tensione tra 1 e 5.5 V e con 1-5€ ti compri anche un piccolo voltmetro led per leggere i valori, così non vai alla cieca. Con 20€ compreso il pulsante te la cavi ed hai un regolatore di prima classe che la maggior parte delle box commerciali neanche se lo sognano.
Il lato negativo è che hai bisogno di due LiIon invece che una.

L'alterativa è quella di un PWM autocostruito o meno. Sei tu che avevi un PIC a casa? Se sì puoi usarlo. Se quello che hai è troppo grosso esistono uC piccolissimi per pochi €.
Con un pò di pazienza, sul mercato internazionale puoi trovare anche dei circuiti PWM per vapers con prezzi dai 2 ai 15€
 
Ultima modifica:
@nuzzo9
Guarda che un MURATA OKAMI da 20A costa circa 12€ + IVA, puoi regolare l'output tra 0.7V e 5.5V (se usi 2 celle LiIon in serie) ed ha un 'efficienza mostruosa, qui trovi ilo datasheet: http://www.mouser.com/ds/2/281/okl2-t20-w12-472031.pdf

Usi un potenziometro da 15k (1€) per regolare la tensione tra 1 e 5.5 V e con 1-5€ ti compri anche un piccolo voltmetro led per leggere i valori, così non vai alla cieca. Con 20€ compreso il pulsante te la cavi ed hai un regolatore di prima classe che la maggior parte delle box commerciali neanche se lo sognano.
Il lato negativo è che hai bisogno di due LiIon invece che una.

L'alterativa è quella di un PWM autocostruito o meno. Sei tu che avevi un PIC a casa? Se sì puoi usarlo. Se quello che hai è troppo grosso esistono uC piccolissimi per pochi €.
Con un pò di pazienza, sul mercato internazionale puoi trovare anche dei circuiti PWM per vapers con prezzi dai 2 ai 15€
Mi stai illuminando, guarderò senza altro il regolatore che hai postato.
Comunque intendevo 20 euro fra scatola r regolatore, il resto gia ce l ho, sia pulsante che alloggio batteria per 18650 cavi vari, fusibili e mosfet.
Si si sono io col pic, ho anche un atmel ma di quelli con troppi pin, dovrei stamparlo su pcb m non penso proprio che lo faró [emoji16]
Cmq con il pic non ho problemi a usare un pwm, chiedevo se era possibile modulare l onda senza un processore, anche perché per il pic mi si è rotto il pickit e devo aspettare settembre che un mio amico me lo presti.

Inviato dal mio ASUS_Z00AD utilizzando Tapatalk
 
Comunque mi hai fatto salire la scimmia !!!!! pensavo costassero molto di più!!
Appena torno dalle vacanze faccio un salto dal mio venditore di elettronica a vedere se ha qualcosa di simile a quel prezzo

Inviato dal mio ASUS_Z00AD utilizzando Tapatalk
 
Comunque mi hai fatto salire la scimmia ???????? pensavo costassero molto di più!!
Appena torno dalle vacanze faccio un salto dal mio venditore di elettronica a vedere se ha qualcosa di simile a quel prezzo

Inviato dal mio ASUS_Z00AD utilizzando Tapatalk
Benvenuto nella nostra bella malattia Stefano ;)
 
Grandissima discussione e utilissima è dir poco !
Vorrei crearmi una box , ma le idee son poche sinceramente .
Possiedo già una wismec rx 2/3 , con cui mi ci trovo benissimo non c'è che dire , ma nello svapo di guancia utilizzo una Just Fog 1453 , e vorrei aggiornarmi ahahah
Il mio prossimo acquisto sarà un Kayfun , ma vorrei costruirmi una box per avere sia bottom feeder ( quindi più avanti , portafoglio permettendo , comprerò un atom dedicato ) e sia per avere una box per il tiro di guancia !
 
Salve a tutti, volevo cimentarmi nella realizzazione della mia prima box mod con circuito, ma non ho trovato da nessuna parte informazioni chiare che potessero essermi chiare e d'aiuto fino a quando non mi sono imbattuto in questo forum. Davvero tutto molto chiaro e comprensibile, grazie mille :)
 
Alto