Introduzione alla chimica degli aromi

1705909792455.png


In parte è farina del mio sacco, in parte presa da un vecchio articolo della TPA, che trovo ancora oggi interessante e diventa sempre più attuale visto le normative che sono in aria, fa capire a chi ancora non lo sa, come sono fatti gli aromi, spero vi piaccia, leggetelo con calma quando avete un pò di tempo, adesso partiamo.

Tutto ciò che ci circonda è composto da sostanze chimiche, dai profumi di fiori e alberi che si diffondono nell'aria alla frutta maturata che mangiamo, persino ogni singola parte del nostro corpo è composta da sostanze chimiche.

Quindi ad un certo livello, ogni forma di materia è composta da sostanze chimiche.

Ciò che assaporiamo e odoriamo quando mangiamo, è il risultato della reazione del nostro corpo a queste sostanze chimiche. Sia gli aromi artificiali che quelli naturali contengono sostanze chimiche, e spesso condividendo gli stessi componenti chimici ma provenienti da origini diverse.

Cosa sono gli aromi concentrati?

Gli aromi concentrati sono miscele di vari materiali, sia sintetici che naturali, di solito diluiti in un liquido vettore. I veicolatori più comuni per gli aromi sono solventi adatti al consumo umano, più comunemente il glicole propilenico, ma anche l'alcol etilico/etanolo (vedi i primi Inawera e Lorann, la glicerina vegetale e la triacetina.
Per creare un gusto specifico, i chimici mescolano sostanze chimiche aromatiche, oli essenziali, estratti botanici, essenze e qualsiasi altra cosa sia necessaria per ottenere il prodotto finale. Questo può essere un processo estremamente complicato, poiché alcuni aromi richiedono fino a 300 molecole di sapore uniche prima di essere completi.

Alcune di queste molecole aromatiche si presentano come liquidi, mentre altre sono cristalli e polveri.
Gli aromi chimici si estendono su uno spettro di solubilità da solubili in acqua (polarità) a solubili in olio (non polarità), il che può essere una sfida quando si lavora con materiali che mostrano una forte inclinazione in una direzione o nell'altra!
"Solubile in acqua" significa che un aroma si dissolve in acqua, glicole propilenico o altri mezzi che non siano oli. assolutamente da evitare nel vaping, è simile alla miscelazione di olio e acqua, se un composto solubile in olio viene inserito nell'acqua, si separerà e galleggerà (o affonderà) senza mescolarsi.

Ad esempio, la cinnamaldeide è una molecola chiave utilizzata in tutti i gusti di cannella, ma da sola non è solubile in acqua. Comprendere come intendi applicare il tuo aroma e essere consapevole della solubilità è cruciale (o avere a disposizione un buon emulsionante). Le miscele di aromi di solito sono altamente concentrate e non devono essere ingerite direttamente senza ulteriore diluizione; sono progettate per essere utilizzate come agenti aromatizzanti anche in applicazioni alimentari e bevande.

Gli aromi naturali vengono estratti o distillati da fonti naturali (fiori, frutti, corteccia, radici, ecc.) e vengono quindi utilizzati (senza cambiamenti chimici) per creare il prodotto finale.
Gli aromi naturali possono essere singole sostanze chimiche estratte direttamente da materie prime o da oli essenziali (una miscela di sostanze chimiche volatili distillate da una fonte).

Gli aromi artificiali, d'altra parte, iniziano come un'altra sostanza chimica e subiscono reazioni con sostanze chimiche o processi biologici (batteri o lieviti) per creare un aroma chimico specifico. Gli aromi artificiali possono derivare da varie fonti, inclusi materiali vegetali o persino un altro aroma esistente (naturale o artificiale).

Quasi tutti gli aromi possono essere creati sia tramite aromi naturali che artificiali e sono chimicamente identici; l'unica differenza è l'origine.
Le molecole degli aromi sono i "mattoni" di tutti gli aromi, naturali o artificiali.
P.e. l' arancia naturale è composto da molecole come limonene, mircene, alfa e beta pinene e linalolo, queste molecole possono essere isolate dall'olio completo attraverso mezzi naturali come la distillazione frazionata, che separa una miscela nelle sue parti componenti in base al punto di ebollizione di ciascuna molecola.

Gli aromi artificiali sono spesso molto meno costosi da produrre e possono anche essere più sostenibili.
Tutte le sostanze chimiche presentano impurità; gli standard di purezza degli aromi artificiali, a causa della loro lavorazione, sono molto più rigorosi rispetto agli aromi naturali, rendendoli talvolta considerati più sicuri.

Gli aromi artificiali devono sottoporsi a un processo di valutazione della sicurezza più esteso prima di essere messi in vendita, e ogni componente dell'aroma viene testato per la sicurezza prima di poter essere commercializzato per i consumatori. Inoltre, gli aromi naturali sono estremamente variabili in termini di qualità, sapore e prezzo a causa delle diverse origini, dei modelli meteorologici annuali, delle condizioni del terreno e di una serie di altri fattori con cui gli aromi artificiali non devono confrontarsi.

Della differenza tra uno o l'altro ne ho parlato più volte in vari ambienti, non esiste il giusto assoluto, o la perfezione, i nostri aromi vengono comunque o estratti dal naturale o composti da molecole chimiche, in ambedue i casi, o qualcosa viene tolto o qualcosa mancherà.
Personalmente credo sia il connubio tra i due a poterci dare la completezza e la veridicità di un aroma.
Gli aromi artificiali di oggi alla 4a generazione nel vaping hanno raggiunto livelli di sicurezza e di aromaticità veramente altissimi non resta che divertirsi nel creare gusti personali o anche nuovi, la gamma è talmente vasta che l'unico limite è la fantasia.

Quindi, gli aromi sono sicuri, sono fedeli, e facili da fare, sarai solo tu a creare il gusto che vuoi in base al tuo atom o POD, non penserai più ad atomizzatori secchi, dolci o che "non rendono" oppure dover indovinare quanta carica aromatica ha questo o quel liquido commerciale, spendendo un mucchio di soldi, ma lo crei tarandolo sui tuoi mezzi. Ti fai un liquido su misura in base ai tuoi vaporizzatori e tuoi gusti personali non sui gusti di qualcun'altro.

Nel caso vi consiglio di leggere quest'altra guida qui: Come Si “costruisce” Un E-liquido


Spero di avervi ancora una volta intrattenuto per un pò.
Informazioni sull'autore
Iv3shf
Radioamatore, Strimpellare la chitarra

Ultime Valutazioni

Grande Iv3shf. Interessantissimo. Top come sempre. (y)
Upvote 0

Informazioni Tutorial

Autore
Iv3shf
Tempo di lettura
Tempo di lettura 4 min.
Visite
730
Valutazioni
1
Ultimo aggiornamento
Valutazione
5,00 stella(e) 1 valutazioni

Altro di Iv3shf

Condividi questo tutorial

Alto