Purplesmoke

SEF Top Contributors
Utente SEF
Registrato
5 Gen 2013
Messaggi
106
Gradimento
39
Punti
48
Età
37
Località
Ceriale
Dispositivi in uso
eleaf istick tc40w
Atomizzatori in uso
iclear 30s 2.1ohm
Il fumo inalato, passivamente o attivamente, contiene oltre 4000 molecole, alcune delle quali dannose per l'organismo. In modo diretto, queste sostanze cancerogene, danneggiano il nostro apparato respiratorio, e in maniera indiretta, anche il resto del nostro organismo. Nello specifico la combustione di carta e tabacco, con l'elevata temperatura, sprigiona dette sostanze tra cui:
-Catrame: prodotto da combustione incompleta e condensazione di sostanze altobollenti
-Composti organici volatili, tra cui il benzene che è cancerogeno.
-Idrocarburi aromatici policiclici: provenienti direttamente dalla combustione della carta e del tabacco, contenenti i benzopireni, che aumentano il rischio di contrarre il tumore ai polmoni, in quanto responsabile della proliferazione cellulare incontrollata.
-Polveri fini, tra cui particolato carbonioso, derivanti sempre dalla combustione, direttamente responsabili di malattie cardiovascolari.
-Monossido di carbonio, che riduce la capacità respiratoria, e toglie ossigeno al sangue.
-Varie sostanze irritanti: tra cui
Aldeidi, irritanti per le mucose, nello specifico la Formaldeide è cancerogena. Irritando le mucose, oltre a tosse e catarro, può causare bronchite cronica.
Sostanze ossidanti
Ammine e ammoniaca
Idrocarburi non aromatici, che, intaccando lo strato lipidico protettivo di organi e cellule, le rende vulnerabili all'aggressione, per esempio, delle altre sostanze sopra
citate.
Detto ciò, vi è un'altra conseguenza, che potrebbe sembrare meno grave, ma che è comunque nociva e sta a cuore a molti di noi, specialmente le femminucce, l'infertilità.
Nelle donne il rischio di infertilità causato dal fumo aumenta del 13% e si stima che quelle che fumano 16-20 sigarette al giorno abbiano il 20% di probabilità in meno di avere un figlio entro 1 anno dai primi rapporti mirati finalizzati al concepimento.
Anche il fumo passivo riduce le probabilità di concepimento e ritarda il conseguimento della gravidanza.
In particolare, le sostanze tossiche introdotte fumando (idrocarburi aromatici policiclici) la morte per l’apoptosi delle cellule uovo (ovociti) nell’ovaio provocando infertilità e menopausa anticipata di 1-2 anni. L’apoptosi è un processo di distruzione “programmata” della cellula che può essere conseguenza di vari tipi di danni.
Si è osservato, infatti, che nelle giovani donne che fumano i livelli di FSH (ormone follicolo-stimolante) basale sono del 66% più alti rispetto alle non fumatrici e del 39% più alti rispetto alle fumatrici passive.
Anche i maschietti devono stare attenti, perché nel 16% dei fumatori il tabagismo determina una significativa riduzione della produzione di spermatozoi e della loro mobilità.
E’ stato dimostrato che il genoma dell’ovocita e dello spermatozoo è molto sensibile agli effetti delle sostanze liberate dal fumo di sigaretta, che vi determinano mutazioni dei geni.
C’è un significativo aumento del rischio di sviluppare ovociti diploidi (cioè con un numero di cromosomi doppio rispetto nella norma), proporzionale al numero di sigarette fumate e un aumento del 12% del rischio di alterazioni cromosomiche negli ovociti di donne che fumano almeno 10 sigarette al giorno.
Nelle cellule spermatiche il fumo provoca un aumento dei radicali liberi che può provocare un danno da “stress” ossidativo.
Questo a sua volta determina frammentazione del DNA e un aumento del rischio di aneuploidie (numero di cromosomi alterato) in particolar modo disomie (raddoppio) del cromosoma Y, X e 8.
Nell’ambito della procreazione medico-assistita mentre la percentuale media di riuscita per ciclo nelle non-fumatrici è del 25%, nelle fumatrici, sia attive che passive, si osserva un ulteriore dimezzamento della percentuale di impianto che si attesta al 12%.
In uno studio condotto su 255 donne sottoposte a tecniche di fecondazione in vitro con Fivet o con ICSI i(iniezione intracitoplasmatica) è emerso che le fumatrici, sia attive che passive, hanno una probabilità cumulativa del 19% di ottenere una gravidanza contro il 48% delle non fumatrici.
Da questo studio è emersa una diminuzione della qualità degli ovociti dovuta alla presenza di sostanze tossiche del fumo quali il cadmio, rilevato nel liquido contenuto nei follicoli ovarici (i “contenitori” delle cellule uovo), mentre non si è osservata una differenza significativa sulla qualità dell’embrione.
Per quanto riguarda la salute del nascituro, in uno studio condotto su 2000 donne americane, si è osservato , nelle forti fumatrici, un rischio aumentato di circa il 50% di aborto spontaneo nel primo trimestre e un rischio aumentato di 3.5 volte di gravidanze extra-uterine. Inoltre si osservano ridotto peso alla nascita e aumento dei parti prematuri per alterazioni della circolazione del sangue fra utero e placenta e conseguente insufficienza della funzione placentare.
Inoltre, il fumo della madre durante il 3° trimestre di gravidanza compromette il quoziente intellettivo (Q.I.) dei figli: uno studio condotto su circa 2000 giovani uomini tra 18-20 anni, figli di donne che hanno fumato prima e durante la gravidanza, ha mostrato una diminuzione del loro Q.I. fino a 6.2 punti.
Fonti:
Accedi o Registrati per vedere questo contenuto.

Accedi o Registrati per vedere questo contenuto.
 

Guide

Iv3shf
Tempo di lettura 4 min.
5,00 stella(e) 1 valutazioni
Visite
1.030
Gradimento
6
Valutazioni
1
In parte è farina del mio sacco, in parte presa da un vecchio articolo della TPA, che trovo ancora oggi interessante e diventa sempre più attuale visto le normative che sono in aria, fa capire a chi ancora non lo sa, come sono fatti gli aromi, spero vi piaccia, leggetelo con calma quando avete...
Sva3d
Tempo di lettura 1 min.
Visite
1.907
Per calcolare la resistenza interna di una box bisogna avere il dado in rame, chiamato Calibration Tool for DNA200, ad oggi introvabile, parlo di questo: il miglior strumento atto allo scopo, si trovava qui (link), oppure un filo spesso di rame per cortocircuitare un atomizzatore (usatene uno...
Sva3d
Tempo di lettura 2 min.
5,00 stella(e) 3 valutazioni
Visite
2.132
Gradimento
2
Valutazioni
3
Un saluto a tutti ed inizio subito postandovi un video di come si è sempre lavorato un pad di Muji o cotoni organici similari: Bene! Forse per il cloud di un tempo poteva andare anche bene come regola. Sta di fatto che se ne spreca un po' e si perde anche un bel po' di tempo a stare, con...
Touch
Tempo di lettura 10 min.
Visite
1.475
Gradimento
4
Ciao a tutti, stavo leggendo qua e la vari post nel forum, ad un tratto mi hanno colpito alcune righe dove si nominava la qualità dell'acciaio usata per gli ATOM. Ho scambiato qualche parola con @Sva3d e mi son convinto a darvi qualche nozione su questo materiale. Allora per iniziare non farò...
Iv3shf
Tempo di lettura 9 min.
5,00 stella(e) 3 valutazioni
Visite
4.603
Gradimento
13
Valutazioni
3
Una delle cose di cui parlo spesso sono le combinazioni aromatiche, l'articolo precedente ha ormai qualche annetto e andrebbe aggiornato e probabilmente lo farò, per chi non l'avesse letto, ecco il rimando...
Sva3d
Tempo di lettura 2 min.
Visite
4.473
Commenti
8
Come promesso, eccomi a descrivere quale tipo di rigenerazione, in particolare sul cotone, ho testato in questi dieci giorni e più, sperimentando tutti i cotoni più noti (Cloud9, Bacon V2, Bacon Prime, Titanium Fumytech, Titanium Fiber Cotton, Miracle UD, Native Wicks Platinum Plus, Fiber...
Alto