Iv3shf

Mixing Expert
Membro dello Staff
Moderatore
Utente SEF
Registrato
13 Apr 2016
Messaggi
6.114
Gradimento
2.135
Punti
304
Località
Cervignano del Friuli
Nome
Frank
Dispositivi in uso
SX mini SL - VF Vaporflask - VT Inbox 75 - Predator - Chanupa - Totem Palladio - Pico 75 X2 - TC60 X2 Steampunk modded
Atomizzatori in uso
Le Zephyr X 2- Nextasis - Satburn 22 - Spider - Paravozz - VWM NextEra - Hadaly (a mesh) - Entheon
Già proprio un bell'argomento, prendo spunto da un post di @GioGio sull'argomento, per chiarire un tema piuttosto discusso e con cui si fa molta confusione, ma prima di tutto, definiamoli, per stadi.

Liquido pronto: liquido preparato con il PG la VG, Nicotina e gli aromi, deve sottostare ai controlli sanitari, avere tutte le certificazioni della filiera ed essere anche certificato TPD.

Scomposto: aromi messi insieme per creare un liquido, senza PG, senza VG senza nicotina, non deve sottostare alla TPD, valgono le certificazioni del produttore degli aromi non è certificato e non deve essere sottoposto a certificazione/denuncia TPD.

Aroma: la componente base con cui vengono fatti gli scomposti e i liquidi pronti.

Matrice vegetale: Le varie foglie (la materia) da cui vengono estratte le molecole per creare gli aromi.

Cosa sono:
1) Il liquido pronto o lo scomposto (One Shot) sono delle "ricette" che hanno aromi o matrici vegetali all'interno, che una volta uniti formano un liquido.
2) Gli aromi base possono essere sintetici o natural identici o estratti e sono alla base di tutto.

Quindi possiamo dire che gli scomposti sono aromi? NO! Gli scomposti sono dei prodotti derivati.

Da dove nascono? Beh forse il primo a cui dobbiamo dare atto della messa sul mercato dei One Shot, è stato l'antesignano di tutto questo, Lord Hero, lui ancora prima della TPD creava le ricette e le vendeva sotto questa forma.

Ma la TPD ha dato una stangata a tutti i produttori di liquidi obbligandoli ai famosi 20mg di nicotina massima e all'obbligo di certificazione ed analisi dei liquidi che vengono messi sul mercato.
Non buono per i furbetti (non Lord Hero, ripeto lui c'era ben prima) che a questo punto colgono la palla al balzo, in un colpo solo si liberano del registro della nicotina, delle certificazioni TPD, del problema che la nicotina è costosa, deve essere pura, e stoccata per bene, si liberano del costo del PG-VG e il loro acquisto, stoccaggio, deposito, celle frigo ecc. si tolgono tutti questi costi e li fanno spendere al consumatore finale, creando i One Shot!

Ma per il marketing italiano, One-Shot (che è il termine originale per definire questa tecnica) non è bello da sentire, allora si sono inventati il termine SCOMPOSTO (dalla VG PG e nicotina) Come viene creato?
Semplice, una volta identificata una ricetta, si parte, si ragiona sulla percentuale di diluzione e sulla quantità totale da creare:

Per esempio prendiamo un Cuba Libre a caso


1631284328528.png


Ho calcolato una percentuale di diluzione del 10% in modo da poter creare 100ml di liquido, poi metto in una bottiglietta i miei 3 aromi insieme all'aggiunta di PG (ma potrei anche farlo in base VG) ed ecco fatto il mio bel scomposto!
Ok, posso metterlo in vendita? O certo, basta farlo imbottigliare creare una bella etichetta e dire che c'è da aggiungere PG, VG nico, io me li sono tolti dal groppone, mi sono tolto l'obbligo di qualsiasi certificazione TPD.

Non mi addentro nel discorso costi, ma basta sapere che dal liquido pronto che facevo prima, ho tolto tutti i costi di immagazzinaggio della VG e della Nicotina, dimezzato (per dire poco) i costi del PG.
Eccovi servita la storia vera degli scomposti, ma il costo odierno e siamo quasi alla TPD3, è rimasto come quello di quando si comprava un liquido pronto nicotinizzato, ed è una cosa che mi sembra quanto meno strana.

Lasciando stare la polemica inutile, e tornando al discorso, come si è visto sono gli aromi che hanno creato lo scomposto.

Poi volendo possiamo anche andare a fare discorsi filosofici o di semantica, ma distorce la verità, volendo, potremmo dire che, quello che ho creato, visto che le molecole si sono conglobate, è un "nuovo" aroma e quindi potrei definirlo aroma, ma è proprio un discorso di semantica, è e rimane sempre e solo una ricetta creata come base per fare un liquido NON è un aroma, lo potremmo definire aroma complesso? Tipo Strawberry and Cream della CAP o Honey roasted peanuts della WF? No, questi sono aromi complessi che vengono usati per creare altri liquidi, come fossero delle "Stones" o una Trinity, ma da uno scomposto NON crei altri liquidi.

Si potrebbero usare gli scomposti per creare altri liquidi? Dipende, dipende da come sono fatti che non lo sapremo mai, le ricette sono segrete, ma facciamo delle supposizioni.

Se volete servirvi con un mal di testa vi spiego anche le differenze e cosa potrebbe essere usato come Base o Stone, per esempio il Rum & Cola di cui sopra la vedo difficile possa essere usata come Base per fare altro, se però per esempio usiamo una Killer Custard, bisognerebbe fare i test alle varie percentuali per usarla come custard ma se la pensiamo come fosse una Base allora, seguendo la diluzioni originale, è fattibile, questo è un'esempio dell'uso di una Custard Stone:


1631286352022.png



Come si vede l'ho usata al 10%, aggiunto del peanut butter e del caramello, et voilà, sto usando uno scomposto come se fosse una Stone, ne vale la pena? Non credo proprio, quanto costerebbe? Per assurdo (ma non è proprio un assurdo, è una tecnica usata), da qua creo un altro scomposto.. 🤣

Ok abbiamo definito le differenze e spero che questa volta non ci siano più confusioni sulle differenze tra aromi, scomposti, one-shot, Stones e Liquidi pronti, e non è solo una questione di semantica.

Fatemi sapere nei commenti sotto il vostro parere.
 
Ultima modifica:
SEF - E-Cigarette Forum

Fox70

Membro dello Staff
Moderatore
Utente SEF
Registrato
30 Ott 2017
Messaggi
10.501
Gradimento
2.452
Punti
414
Età
52
Località
Napoli
Nome
Dino
Dispositivi in uso
Tanti
Atomizzatori in uso
Troppi
Però c'è da fare un piccola, ma grande considerazione (IMHO), e cioè che i liquidi in formato Mix & Vape da 50ml. sono molto più buoni e saporiti sia degli aromi che degli scomposti. Per non parlare di quelli in epoca pre-TDP pieni di Diacetile. :rockon:
 

Vaan

Utente SEF
Registrato
19 Ago 2021
Messaggi
565
Gradimento
59
Punti
29
Località
Bergamo
Nome
Luca
Dispositivi in uso
Coolfire Z50
Atomizzatori in uso
Vertex mtl rta

Sva3d

Membro dello Staff
Moderatore
Utente SEF
Registrato
10 Feb 2018
Messaggi
11.497
Gradimento
2.249
Punti
414
Località
Italia
Nome
Marco
Dispositivi in uso
Troppi XD
Atomizzatori in uso
No Comment XDDD
Mah! Per me, i così detti "mix&vape" da 50 ml, sono liquidi pronti a tutti gli effetti che ti fanno pagare un botto, salvo scontistica online.
La cavolata di aggiungere un 10 ml di X per eludere la legge è un'altra mega furbata del settore.
In negozio arrivi a 25/27€ per 60 ml e senza diacetile ::D
 

Zaffiro

Utente SEF
Registrato
19 Ott 2016
Messaggi
144
Gradimento
93
Punti
69
Località
.
Nome
Zaffiro
Dispositivi in uso
Vari
Atomizzatori in uso
Vari
Accedi o Registrati per vedere questo contenuto.
Confesso di non aver letto tutto il thread, nel caso ci fosse già la risposta mi scuso.
Mi par di ricordare che gli aromi fossero prevalentemente in base PG, in tal caso sarebbe un errore dire che gli scomposti sono senza PG, o sbaglio?
Devono o no sottostare alla TPD?
Chiedo perché, o la TPD riguarda solo la nicotina, o c'é qualcosa che mi sfugge! :unsure:
 

Ilaz

Utente SEF
Registrato
28 Ago 2017
Messaggi
98
Gradimento
9
Punti
19
Località
n/a
Dispositivi in uso
n/a
Atomizzatori in uso
n/a
Normalmente gli scomposti sono un composto di piu` aromi in PG.
Sfuggono ai framework TPD (formato, marketing, limite nicotinico) ed erariale in quanto non sono di fatto un prodotto di per se` inalabile, tantomeno un e-liquid pronto contenente nicotina.
 

Articoli e Guide

Coomenti ad Articoli e Guide

Alto