1589490630223.png
Prima di trattare la preparazione di un eliquid, facciamo un ripasso.
La composizione della BASE che andrà ad essere la parte principale del nostro eliquid è una miscela di PG (glicole propilenico che veicola gli aromi) e VG
(glicerina, o glicerolo, vegetale deputato a fornire fumosità al nostro liquido).
Questa miscela potrà essere addizionata di ACQUA BI DISTILLATA, per favorire la fluidità del liquido stesso, e di NICOTINA che ci aiuterà a superare l’astinenza dal fumo analogico.
A questa BASE andremo ad unire gli AROMI che caratterizzeranno il nostro e liquid.

1589490630223.png


Di quale attrezzatura abbiamo bisogno per iniziare il Fai Da Te

Boccette di varie misure ( non sono mai abbastanza.....), barattoli in vetro con tappo a vite ( marmellate, yogurt, omogeneizzati ecc.), siringhe da 1, 2.5, 5, 10, 20, 50 ml., guanti in lattice per proteggersi dal contatto con la nicotina, rotoloni di carta da cucina, un diario su cui annotare le nostre prove e misurazioni.
L’agitatore magnetico non è determinante per piccole quantità, diventa utile e quasi necessario quando si cominciano a miscelare quantità importanti di liquido.

Comincerò col descrivere il metodo più comune e semplice per comporre il nostro eliquid, quello che ho utilizzato quando ho cominciato a preparare i miei e liquids.

Si compra una BASE già pronta con la percentuale di nicotina di cui necessitiamo e andremo ad aggiungere semplicemente gli AROMI che possano piacerci.
In pratica prenderemo una boccetta od altro contenitore con chiusura, ci verseremo la quantità di BASE che desideriamo e aggiungiamo gli AROMI nella percentuale suggerita dal produttore degli aromi stessi o dettata dai suggerimenti di amici vapers più esperti.
Agitiamo il preparato e dopo qualche giorno il liquido è pronto da svapare.
Consiglio di preparare inizialmente piccole quantità ( 10 o 20 ml) di liquido, annotando scrupolosamente le quantità di aromi che andremo ad aggiungere alla base, in maniera da poter all'occorrenza arricchire di aroma il liquido se non dovesse essere di nostro gradimento.


COME MISURARE LA QUANTITÀ DI AROMA?

Quando prepariamo piccole quantità di liquidi (10/20 ml) la misurazione degli aromi da miscelare alla base, sarà affidata al conteggio delle gocce che lasceremo cadere nella base stessa.
Il problema è che ogni boccetta di aroma ha il suo contagocce che eroga quantità diverse di aroma.
La boccetta Flavour Art di ultima generazione (tappo arancione) ad esempio, eroga gocce da 0,016 ml e ne serviranno 60 e più per fare 1 ml.
Le boccette Capella hanno un contagocce da 0,025 ( 40 per 1 ml.), le TPA 0,050 ( 20 per 1 ml.)
Altri produttori utilizzano altri contagocce, per cui diventa difficile avere uno standard di riferimento, se si utilizzano aromi di produttori diversi.
Per determinare la quantità di aroma erogato da ogni singola goccia prendiamo una siringa da 3 ml, rimuoviamo ago e stantuffo. Tappiamo la punta della siringa e riempiamo la siringa fino a 1 ml senza contare le gocce poi versiamo ancora le gocce nelle siringa stavolta contando attentamente fino ad arrivare ai 3 ml, dividiamo per 2 il numero di gocce che abbiamo rilevato da 1 ml a 3 ml e otteniamo il numero di gocce per 1 ml della boccetta presa in esame.
Io preferisco eliminare i contagocce dalle boccette e mi servo di una pipetta Pasteur da 1 ml che eroga 0,025 ml ( 40 gocce per 1 ml.)
Questo quando si preparano, ripeto, piccole quantità di eliquid.
Sopra i 20 ml conviene utilizzare siringhe da 1, 2,5 , 5 e 10 ml. per dosare gli aromi.


Quando posso svapare il mio mix?

Una volta preparato il nostro mix, agiteremo una volta al giorno, dolcemente, per non inglobare aria che rallenterebbe il processo di maturazione e aspetteremo qualche giorno prima di svapare.
Non c’è una regola fissa che determina il tempo di maturazione di un liquido.
Generalmente mix con aromi sintetici singoli hanno bisogno di poco tempo e sono svapabili quasi subito, liquidi formati dalla miscelazione di più aromi necessitano di più giorni di maturazione. I fruttati sono liquidi “pronto svapo”, i tabacchi sintetici hanno bisogno di una settimana, 10 giorni, i macerati di tabacchi possono aver bisogno di mesi.
Il consiglio è comunque quello di provare per farsi la propria personale esperienza.

In un prossimo post tratteremo la metodica, un po’ più complessa, che utilizzo attualmente.
Informazioni sull'autore
Bluefin
Alberto

Pesca in mare

Informazioni Tutorial

Autore
Bluefin
Tempo di lettura
Tempo di lettura 3 min.
Visite
37.977
Ultimo aggiornamento

Altro di Bluefin

Condividi questo tutorial

Alto