Genesis 2.0 E DDP One

Partners

GENESIS 2.0 e DDP One

Sembra passato tanto tempo da quando Raidy assemblò il primo prototipo ma eravamo già nel XXI secolo: anno 2010
Da qui lo sviluppo ha portato tra il 2012 e il 2014 al primo grande balzo in avanti: la camera di vaporizzazione ridotta e con questa all'affermazione di quelli che ormai sono giudicati i genesis classici; in ordine d'apparizione: Rocket, Satburn 22, G-LAB 22 ( il pap? del Duetto) e da questi il 360, il Duetto, lo Shuttle, il Rocket R e gli ultimi nati di questo filone il Vektor Small e il Joker.
Dai classici l'esigenza di utilizzare i genesis anche in mobilità ha portato ad intraprendere la strada della mesh centrale e parallelamente a dotare i genny di una regolazione dell'aria e qui ricordiamo la serie dei Next e degli Athena
Passando oltre a questo tanto doveroso quanto forse impreciso ( non vogliatemene )cappello introduttivo vado a parlarvi dei nuovi genesis.
Le prerogative sono di natura tecnica e di natura commerciale.
Di natura tecnica con: impiego di nuovi materiali, facilità di rigenerazione,regolazione dell'aria certosina e la strada dei flussi d'aria indiretti.
Di natura tecnico/commerciale in quanto si è data la possibilità all'utente di usare sia la mesh, sia il cotone aumentando il diametro de foro d'alimentazione e aumentando quindi le fasce d'utenza.
Il primo di questi atom è stato Le Zephyr che timidamente iniziava a proporre (in alternativa al classico tiro diretto) la possibilità di un tiro indiretto con la canalizzazione dell'aria in due canali ricavati nella riduzione della camera in Ultem (a proposito di nuovi materiali), questo atom ha avuto un grande successo ed è stato seguito a pochi mesi di distanza da un nuovo tentativo, lavorando sempre sui flussi d'aria: Le Mirage del solito instancabile modder Vaponaute. In questo atom c'è la possibilità di un settaggio in dual coil, per gli amanti del cotone e in single coil per i meshari, l'aria va a colpire le coil in maniera indiretta e vorticosa aspirata da 1 o 2 grandi fori percorre un tratto di cup interno la cui curvatura imprime all'aria un senso rotatorio andando a colpire la coil in maniera avvolgente, a spirale; questo da un risultato stupefacente in termini di sensazione di tiro e in restituzione di aroma. Provando Le Mirage quello che mi ha subito stupito è l'afflusso dell'aria che niente ha a che vedere con l'ampiezza dei fori posti sulla ghiera (3 mm), il tiro è sì arioso ma non come ci si aspetterebbe.
A mettere un'altro mattoncino all'evoluzione dei genny 2.0 ci ha pensato la DDP Vape di Toronto, un modder ai suoi primi lavori.
Eleganza di linee e progettazione molto complessa, questa è una sintesi descrittiva del DDP ONE.



ddp arrivo.jpeg 20170203_140052.jpg 20170122_120300.jpg
Il lavoro sul circolo d'aria trova in questo atom la strada dall'alto, entrando da fori contrapposti invisibili, posizionati appena sotto il drip tip e celati dalla ghiera di regolazione dell'aria, percorre l'intercapedine ricavata tra il cup e un cap interno in ultem e va a colpire la coil grazie a due fori ovali di circa 2 x 3 mm.



fori cup.jpg fori cup più ghiera.jpg


si riesce a posizionare correttamente il cup rispetto ai fori dell'aria interni grazie ad un fermo che ruotando il cup montato da la giusta posizione.

IMG-20170216-WA0016.jpg IMG-20170216-WA0017.jpg IMG-20170216-WA0013 (1).jpg

La regolazione dell'aria è capillare e riesce a soddisfare gli appassionati del tiro chiuso e quelli del tiro abbastanza arioso. Non è un atom che dia la possibilità di uno svapo di polmone neanche nella configurazione in dual coil.


ddp pezzi.jpg

Il drip tip è proprietario. Nella confezione troviamo un secondo drip tip nero,viti e O-Ring di ricambio, due riduzioni del dek per dual coil. e brugola per il serraggio dei bulloncini.


Refill molto comodo, grazie ad un foro dedicato posto nella parte sx della riduzione in ultem.

Come va?
Premessa:
Sono in possesso di questo genesis da più di un mese, trascorso a provare un numero di settaggi mai visto e solo oggi, anche se poco convinto di aver trovato la quadra, mi sono deciso a pubblicare le mie impressioni. Quando parlo di trovare la quadra di questo genny non mi riferisco alla costruzione della miglior coil ma ad altro che capirete in seguito.
Non mi sento di dire che è l'atom più aromatico che ho provato. L'aroma che restituisce è molto buono, grazie anche all'erogazione dell'aria che arriva morbida; le componenti aromatiche giungono ben distinte?€?..ma ?€?... si perché un ma c'è. Potrei paragonare l'esperienza con questo atom ad un coito interruptus.
Mi spiego meglio:
tiro.....iniziano ad arrivare note aromatiche interessanti, e tutto va bene per 3 o 4 tiri, a questo punto (ovviamente) l'atom si è scaldato e nel fare la doppietta per gustare l'aroma, capirlo a fondo e allungare la sensazione aromatica, purtroppo a met? della doppietta sei costretto a staccare le labbra a causa dell' aumento del calore al drip tip che è veramente troppo vicino alla camera d'evaporazione.
Come dicevo la quadra di questo atom sta nel trovare una configurazione che scaldi il meno possibile, ma nella migliore delle ipotesi, dando un po di riposo tra un tiro e l'altro, sono riuscito a completare la doppietta, dopo 8 o 9 tiri devi posarlo e aspettare che il drip tip si raffreddi.
Quando tutto ormai mi incanalava sul viale della delusione mi è venuto in mente di provarlo in TC con Ni200, filo da 0,22 6 spire per 0,16 ohm,temperatura settata a 200°. Finalmente sono riuscito a svaparlo e quello che mi ero immaginato ha cominciato a coincidere.

Devo dire per rendere giustizia a questo atom che in fondo merita veramente di essere provato che queste sensazioni mi vengono dal clone della SXK, mi sono fatto l'idea (sentendo i pareri di chi ce l'ha) che l'originale forse abbia qualche problema in meno.



A chi è adatto?

  • A chi desidera uno svapo da degustazione veramente slow con un'erogazione unica e un aroma di alto livello.
  • Agli appassionati dei genesis come me che un'occasione per usarlo e trarne piacere sicuramente la trovano.
 
Ultima modifica:
Caspita.. mi ero proprio perso questa recensione!
Come ti avevo già detto su wapp, il DDP ONE mi aveva davvero stupito per la resa aromatica, ma non essendo un patito della mesh o desistito a l'acquisto!

Sicuramente è un atom che richiede un setup abbastanza certosino, ma una volta imbroccata la quadra imho da le sue belle soddisfazioni..
 
Maurizio, c'è un motivo per cui le poche volte che si parla di TC coi genesis si menziona sempre il nickel200 e mai il nife? Il NiFe30 ha una resistività molto bassa pure lui. C'è qualche controindicazione che mi sfugge?
Nei prossimi giorni dovrebbe arrivarmi il DDP One e in casa ho diversi rotoli di Nife 30, 48 e 52 che uso ogni tanto con gli altri atom, ne ho anche una spoletta piccolina con pochi metri di ni200 ma è 30ga.
 
No Franco, non c'? un motivo particolare. Per quanto mi riguarda, usando il TC solo sporadicamente non mi ? proprio venuto in mentre. Le uniche esperienze di TC con i genesis le ho fatte con Ni200 e con il Titanio. Quest'ultimo, date le sue caratteristiche meccaniche l'ho usato solo con il Nextiny e ? stata un'esperienza di svapo stellare. Se scorri nella sezione c'? un 3d un cui ne parlo.
 
Buonasera a tutti, ho ricevuto ieri dopo settimane di attesa il ddp one preso dopo aver letto questo tread

La prima cosa che ho fatto è stata la modifica per il bf per sopperire alla scarsa capienza del tank, di certo non è il lavoro migliore postato sul forum ma funziona

Per quanto riguarda la rigenerazione ho usato della #325 e 4 spire di 30 AWG e devo dire che non sta andando male, rispetto allo spider mi sembra meno secco, è una mia impressione?


Inviato dal mio SM-G965F utilizzando Tapatalk
 
Grazie Mawi, gentile come sempre!

Vi auguro buon fine settimana ragazzi, w la mesh, w lo svapo! [emoji16]

Inviato dal mio SM-G965F utilizzando Tapatalk
 
Alto