Dvarw MTL RTA by KHW MODS

r_1.jpg
r_2.jpg
r_3.jpg


È un atomizzatore rigenerabile concepito per lo svapo di guancia ben contrastato. Viene fornito con AFC da 1,2mm, ma altri sono disponibili separatamente. Misura 22x38mm senza drip tip (fornito comunque in dotazione). Si ricarica dal basso. Il serbatoio, da 5ml reali, è in policarbonato; a parte si possono acquistare quelli in ultem e in ss. Il prodotto è progettato e fabbricato in Ungheria da KHW MODS.
I prezzi:
DvarW MTL RTA: 78,99 €
0,8mm AFC: 6,49 €
1,0mm AFC: 6,49 €
AFC kit (1,5, 2,0, 2,5mm): 12,99 €
5ml spare pc tube: 4,99 €
5ml spare ultem tube: 6,99 €
5ml spare stainless steel tube: 7,99 €
spare o-ring kit: 2,90
spedizione con GLS: 19,00 €

r_5.jpg
La dotazione base, contenuta in una semplice scatolina di plastica, contiene:
Atomizzatore, drip tip 510 in teflon, o-ring e due viti di ricambio, chiave a brugola.
Ho preso a parte anche un set aggiuntivo di o-ring, due serbatoi in ultem e uno in acciaio. Il tutto mi è costato 122,86 €, spedizione compresa. Le caramelle sono in omaggio.

r_6.jpg
L'atomizzatore completamente disassemblato. Tutte le viti sono identiche.

r_7.jpg
r_8.jpg
Confronto con atomizzatori da 3ml reali
*****
Fasi della rigenerazione:
Questo esempio riguarda la rigenerazione fatta su punta da 2,5mm con 6 spire di kanthal a1 da 0,25mm. Ho iniziato con un tabaccoso organico fatto in casa con sigaro toscano macerato, appena corretto con qualche traccia di liquirizia. Nonostante il liquido sia molto fluido (70% PG), non c'è nessuna perdita di liquido. La ricarica dal basso è molto comoda, senza sbrodolamenti. Successivamente ho svapato anche un fruttato, ananas hawaii di CDD. In entrambi i casi la resa aromatica è stata soddisfacente. Anche l'hit non è male, considerando il valore resistivo elevato e il wattaggio relativamente basso (9-10 watt). Vapore tiepido, piuttosto denso e compatto..

***

t2_1.jpg
t2_2.jpg
Rigenerazione con filo di diametro 0,32mm, sempre 6 spire su punta da 2,5
Ho voluto svapare a 14-15 watt un liquido 70% VG fatto con aroma Capella french vanilla v2. Chi ha detto che questi liquidi devono essere necessariamente svapati di polmone? La resa è veramente appagante e pur con un basso livello di nicotina (2,5) anche l'hit è sufficiente (ma questo è un dato soggettivo). Ho provato anche a svapare compulsivamente e l'alimentazione è sempre stata perfetta. Vapore tiepido leggermente tendente al caldo.

Non occorre nessun accorgimento particolare nella rigenerazione. Basta semplicemente che il cotone sia adeguatamente soffice. È "idiot proof" come per i BY-ka.
*****
A questo punto mi sembra opportuno riproporre qualcosa che ho già postato in un altra discussione.

È fondamentale che il flusso di liquido investa perpendicolarmente e non parallelamente le fibre di cotone che formano la wick.
Il disegnino sottostante illustra il concetto:
wick_cotone.jpg

Il cotone ha caratteristiche simili alla stoppa (canapa) usata per le giunzioni idrauliche. Oggi è stata soppiantata dal teflon, che è di utilizzo più rapido. Ma la stoppa è molto meglio perché si gonfia quando viene bagnata e perciò garantisce risultati più affidabili.
Anche il cotone, come la canapa, si gonfia e fa "da tappo" impedendo l'allagamento della camera di vaporizzazione. In pratica, quando la wick è ben inzuppata, non entra altro liquido se non quando la wick stessa si asciuga a causa della vaporizzazione.

Dalle foto si vedono i fori adibiti all'alimentazione, sono simili a quelli dei BY-ka. È il sistema migliore per garantire un'alimentazione, sempre perfetta e regolare in ogni circostanza. È uno dei punti di forza di questo atomizzatore, come lo è dei BY-ka. Con questo sistema la regolazione del liquido è del tutto superflua, poiché e automatica. Nei BY-ka la regolazione c'è ma in realtà, anche se non ci fosse stata, quei magnifici atomizzatori avrebbero funzionato benissimo allo stesso modo. Ci ho messo un po di tempo a capirlo. Provate ad aprire al massimo il liquido di un BY-ka e vedrete che non si allaga. È bello osservare questi fenomeni e trarne profitto. Si trae la massima soddisfazione nello svapo solo con un approccio euristico.

Il fatto che il Dvarw rimanga sempre asciutto lo rende adatto a stare in tasca, considerando anche le dimensioni relativamente contenute. Anche il tank in plastica è funzionale a questo scopo. In realtà non mi piacciono i tank in vetro. Hanno la malsana predisposizione a rompersi.
Un'ultima osservazione riguarda il drip tip in teflon. Si è rivelato adeguato in tutte le situazioni. Può essere sostituito con uno dal foro leggermente più stretto. Nella resa, però, le differenze sono minime.
*****

Vi invito a vedere questi due video.

DVARW MTL RTA - KHW MODS - REVIEW - YouTube
Dwarv RTA - YouTube

Il secondo mostra il Dvarw completamente disassemblato e, pur essendo in ungherese, consente di rendersi conto di come è progettato e costruito l'atomizzatore. Almeno la prima parte va guardata.

Dopo aver visto questi due video ho proceduto immediatamente all'acquisto. A chi ha anni di esperienza nella rigenerazione basta guardarlo un atomizzatore per capire come funziona. E dalla progettazione si può anche capire quale potrà essere l'affidabilità nel tempo.

In pratica, considerando anche che è fatto di solido acciaio, non c'è alcuna possibilità che possa guastarsi. Può durare in eterno. Le parti che possono deteriorarsi sono gli o-ring (che possono sempre essere reperiti in qualche modo) e i serbatoi in plastica.
Per questo motivo, a parte l'utilizzo con liquidi "corrosivi", consiglio di prendere anche un serbatoio in acciaio. Il fatto che non si vede il liquido è un problema psicologico più che altro, ci si abitua facilmente.
Perché un atomizzatore dovrebbe essere necessariamente obsoleto dopo qualche anno? Continuo ad usare il klp ver. 2013 e addirittura il vetusto DID con molta soddisfazione e continuerò ad usarli ancora a lungo.

Per concludere consiglio questo atomizzatore ai vapers esperti abituati allo svapo di guancia ben contrastato. A questi consiglio di prendere anche un AFC da 1,0mm.
Mi pento di aver preso solo il riduttore dell'aria da 1,2 mm. Va bene; però mi sto rieducando a un tiro sempre più contrastato e sarei curioso di provare quello da 1 mm. Forse a breve prenderò un altro Dvarw e rimedierò.
A ben vedere, però, anche un neofita può comprarlo se abituato a un tiro ben contrastato.

In poche parole, a me questo atomizzatore è piaciuto tanto. È subito diventato uno dei miei preferiti. Però, prima di ordinare, pensateci bene. Mi è capitato alcune volte di provare atomizzatori osannati quasi unanimemente e che non mi sono piaciuti.
  • Like
Apprezzamenti: maurillo
Informazioni sull'autore

Commenti

Che spettacolo di atomizzatore lo uso da quando è uscito presi in coppi lui e il Doggy ad oggi non ho trovato un degno erede nel tempo ho provato altro ma alla fine torno sempre su di lui al momento ne ho 3 e 2 Doggy . Anni fa ne coprai uno su fastech che aveva una modifica ,in pratica la parte superiore della campana del camino resta attaccata al camino e quando lo sviti si separa automaticamente dall'anello della campana. Quando ho capito che modifica eccezionale fosse ( vuoi mettere sviti il tank e la cappello della campana resta attaccato al camino senza doverli separare manualmente ....e non dimentichi neanche di metterlo )ho provato a riordinarlo ma non lo trovato più disponibile. Nel tempo ho provato a modificare personalmente uno in mio possesso ma il cappello e mantenuto da un or ed è difficile posizionarlo precisamente al centro rimuovendo l'or per saldarlo peccato.
 

Informazioni Tutorial Atomizzatore a Tank

Autore
Pippo Pippacchio
Tempo di lettura
Tempo di lettura 4 min.
Visite
2.179
Commenti
1
Ultimo aggiornamento

Altro di Pippo Pippacchio

Condividi questo tutorial atomizzatore a tank

Alto