Markvaping68

SEF Top Contributors
Utente SEF
Registrato
2 Gen 2013
Messaggi
1.517
Gradimento
146
Punti
113
Località
Monza e Brianza
Dispositivi in uso
VTC Mini
Atomizzatori in uso
Kayfun tutti...
Accedi o Registrati per vedere questo contenuto.


SIGARETTE ELETTRONICHE, STOP ALLA MAXI-TASSA. IL TAR DEL LAZIO IPOTIZZA UN RINVIO ALLA CONSULTA

No alla maxi-tassazione del 58,5% delle sigarette elettroniche e dei prodotti accessori. E questa volta il Tar del Lazio non lascia dubbi interpretativi sulla portata dell'ordinanza di sospensione fino al prossimo 19 febbraio (solo dopo si entrerà nel merito della querelle tra produttori e venditore di "vaporizzatori" e Monopoli di Stato) del regime autorizzatorio per i produttori e gli operatori delle sigarette elettroniche. Non solo. Con l'ordinanza depositata ieri i giudici amministrativi vestono i panni del "giudice a quo" e rimettono alla Consulta la questione di legittimità costituzionale della maxi-imposta del 58,5% sul prezzo di vendita al pubblico delle e-cig e dei prodotti accessori, perché in contrasto con i principi di uguaglianza e della capacità contributiva, per citarne soltanto due. E per chiudere il cerchio è paventato anche l'invio degli atti del Fisco italiano sulle sigarette elettroniche alla Corte di giustizia europea.
Sospensione dell'obbligo delle autorizzazioni
Il Tar del Lazio, dunque, torna sulla disciplina delle autorizzazioni e su quella fiscale delle sigarette elettroniche dopo che nelle scorse settimane si era già pronunciata con una sospensiva, certamente chiara del regime autorizzatorio ma certamente poco chiara sul regime fiscale. Ora a sgombrare il campo da ogni equivoco lo stesso tribunale amministrativo; accogliendo il ricorso della Fiesel-Confesercenti, non lascia alcun ombra di dubbio e in relazione al decreto ministeriale del 16 novembre scorso e delle relative "Faq" adottate dall'agenzia delle Dogane il 3 gennaio. Sul fronte delle autorizzazioni, sospende il divieto imposto dall'amministrazione di continuare a commercializzare e vendere le sigarette elettroniche nel caso in cui gli operatori già attivi sul mercato al 1° gennaio 2014 non abbiano conseguito l'autorizzazione al commercio di vaporizzatori, dei loro componenti, dei liquidi e dei relativi prodotti accessori e strumentali.
Stop alla maxi-tassa
L'ordinanza, come detto, sospende chiaramente anche il regime fiscale delle e-cig in vigore dal 1° gennaio di quest'anno. Nessuna tassazione, almeno fino alla pronuncia nel merito, dell'imposta del 58,5% del prezzo di vendita al pubblico di prodotti accessori e strumentali all'utilizzo di vaporizzatori come possono essere i caricabatteria o le custodie delle e-cig. Per completare il quadro i giudici amministrativi congelano anche la decisione delle Dogane di far rientrare tra i prodotti succedanei del tabacco da assoggettare al regime autorizzatorio e tariffario, nonché alla maxi-imposta, anche i prodotti che non contengono nicotina, nonché i dispositivi elettronici e i loro componenti accessori a prescindere dal fatto che siano o meno utilizzati per la "vaporizzazione" di nicotina.
Il rinvio ai giudici comunitari
Oltre al rinvio della questione e-cig alla Consulta, i giudici del Tar del Lazio non escludono la possibilità di rimettere la questione alla Corte di giustizia. I giudici comunitari sarebbero chiamati a verificare se alla luce dei principi sulla libera circolazione dei «fattori e dei prodotti economici», di tutela e delle libertà fondamentali siano di fatto contrari a una disciplina nazionale, come quella introdotta in Italia, che applica un'imposta di consumo con aliquota al 58,5% sul prezzo di vendita, prevede tariffe dei prezzi al pubblico «determinando una rigida e predeterminata regolamentazione dei prezzi di vendita» e, in conclusione, complica ciclo produttivo e distribuzione dei prodotti con l'introduzione di una serie di adempimenti procedurali.
 

Francoo44

SEF Top Contributors
Utente SEF
Registrato
9 Ago 2013
Messaggi
181
Gradimento
12
Punti
33
Località
Prov di Verona
Dispositivi in uso
Ego
Atomizzatori in uso
CE 4
vorrei soffermarmi sul fatto come è stato giustamente recepito dal TAR , con questa tassazione del 58,5 % viene a crearsi una disparità di tassazione abnorme sullo stesso prodotto.. infatti una normale batteria o un caricabatterie in un negozio di esig viene venduto con un aggravio del 58,5... mentre medesimi prodotti venduti in altri negozi non viene applicata nessuna accisa..
 

Markvaping68

SEF Top Contributors
Utente SEF
Registrato
2 Gen 2013
Messaggi
1.517
Gradimento
146
Punti
113
Località
Monza e Brianza
Dispositivi in uso
VTC Mini
Atomizzatori in uso
Kayfun tutti...
vorrei soffermarmi sul fatto come è stato giustamente recepito dal TAR , con questa tassazione del 58,5 % viene a crearsi una disparità di tassazione abnorme sullo stesso prodotto.. infatti una normale batteria o un caricabatterie in un negozio di esig viene venduto con un aggravio del 58,5... mentre medesimi prodotti venduti in altri negozi non viene applicata nessuna accisa..
Si appunto...
Seguendo tutto l'iter che ha avuto questo tentativo maldestro di far sparire un settore perchè concorrenziale ai poteri forti, mi convince sempre di più che i nostri politici, una volta varcata la soglia di Montecitorio dovrebbero sottoscrivere una polizza assicurativa per i danni che provocano nell'esercizio della professione di... "marchettaro".
Quello che sta accadendo con le sentenze del TAR era di fatto prevedibile: dire che è illogico tassare un caricabatterie a seconda della "ragione sociale" o al settore merceologico del'attività imprenditoriale era assolutamente scontato. Tutto però è stato pensato a tavolino con un intento ben preciso: ridimensionare il settore o addirittura cancellarlo.. in attesa del pronunciamento del TAR. Risultato raggiunto.
Ora però, visto che era tutto perfettamente prevedibile, i responsabili dovrebbero pagare i danni.
 

Guide

Iv3shf
Tempo di lettura 4 min.
5,00 stella(e) 1 valutazioni
Visite
1.012
Gradimento
6
Valutazioni
1
In parte è farina del mio sacco, in parte presa da un vecchio articolo della TPA, che trovo ancora oggi interessante e diventa sempre più attuale visto le normative che sono in aria, fa capire a chi ancora non lo sa, come sono fatti gli aromi, spero vi piaccia, leggetelo con calma quando avete...
Sva3d
Tempo di lettura 1 min.
Visite
1.901
Per calcolare la resistenza interna di una box bisogna avere il dado in rame, chiamato Calibration Tool for DNA200, ad oggi introvabile, parlo di questo: il miglior strumento atto allo scopo, si trovava qui (link), oppure un filo spesso di rame per cortocircuitare un atomizzatore (usatene uno...
Sva3d
Tempo di lettura 2 min.
5,00 stella(e) 3 valutazioni
Visite
2.123
Gradimento
2
Valutazioni
3
Un saluto a tutti ed inizio subito postandovi un video di come si è sempre lavorato un pad di Muji o cotoni organici similari: Bene! Forse per il cloud di un tempo poteva andare anche bene come regola. Sta di fatto che se ne spreca un po' e si perde anche un bel po' di tempo a stare, con...
Touch
Tempo di lettura 10 min.
Visite
1.469
Gradimento
4
Ciao a tutti, stavo leggendo qua e la vari post nel forum, ad un tratto mi hanno colpito alcune righe dove si nominava la qualità dell'acciaio usata per gli ATOM. Ho scambiato qualche parola con @Sva3d e mi son convinto a darvi qualche nozione su questo materiale. Allora per iniziare non farò...
Iv3shf
Tempo di lettura 9 min.
5,00 stella(e) 3 valutazioni
Visite
4.578
Gradimento
13
Valutazioni
3
Una delle cose di cui parlo spesso sono le combinazioni aromatiche, l'articolo precedente ha ormai qualche annetto e andrebbe aggiornato e probabilmente lo farò, per chi non l'avesse letto, ecco il rimando...
Sva3d
Tempo di lettura 2 min.
Visite
4.434
Commenti
8
Come promesso, eccomi a descrivere quale tipo di rigenerazione, in particolare sul cotone, ho testato in questi dieci giorni e più, sperimentando tutti i cotoni più noti (Cloud9, Bacon V2, Bacon Prime, Titanium Fumytech, Titanium Fiber Cotton, Miracle UD, Native Wicks Platinum Plus, Fiber...
Alto