Anakin00

Utente SEF
Registrato
20 Lug 2022
Messaggi
15
Gradimento
0
Punti
1
Località
Modena
Nome
Andrea
Dispositivi in uso
Kiwi, Kit Zelos 3
Atomizzatori in uso
Nautilus 3
Ciao ragazzi, sempre io, quindi non super esperto, ma i liquidi White sono molto più amabili rispetto ad estratti concentrati ? nel senso, si sente molto la differenza? Perché io non avendo sistemi rigenerabili vado con i White, molto buoni e fedeli ma non molto carichi e persistenti per i miei gusti.
tra pochi giorno acquisterò il by ka v7 clone, se mi dite che cambia completamente faccio un pensierino sugli aromi (ovviamente parlo sempre di tabacco)
graziee
 

Fox70

Membro dello Staff
Moderatore
Utente SEF
Registrato
30 Ott 2017
Messaggi
10.501
Gradimento
2.452
Punti
414
Età
52
Località
Napoli
Nome
Dino
Dispositivi in uso
Tanti
Atomizzatori in uso
Troppi
Ciao Andrea buonasera, sulla linea White della LT non mi pronuncio perché non li ho mai provati, però posso dirti la mia sul Latakia N°2 del Tabacchificio 3.0 della linea S. E. T. Selective Extraction Technology (Chiarificati- Idrolati ecc. simil White). Sapore Blando, molto ingentilito, affumicatura tipica del Lat. tenue, parte incensosa da scoprire, insomma per farla breve tutta un'altra storia rispetto all'estratto di qualche anno fà. Quindi per quanto mi riguarda mi son fatto un'idea di questi aromi 4.0 chiarificati... Non hanno nulla a che vedere con gli estratti ed i macerati delle linee classiche. Meno intensità aromatiche e bouquet aromatico ridotto al minimo. Non utilizzando Pod, Kiwi e quant'altro penso che non li acquisterò più.
 
SEF - E-Cigarette Forum

HunterDad

Utente SEF
Registrato
3 Mar 2022
Messaggi
29
Gradimento
3
Punti
4
Località
Collegno
Nome
Piero
Dispositivi in uso
VooPoo VMATE, Swag 2
Atomizzatori in uso
Innokin Ares 2, Wasp nano v2, GasMods Kree V2, By-Ka V7 YFTK
Premetto che non sono uno svapatore di lungo corso come molti dei commentatori più assidui, quindi prendi il mio contributo con le "pinze".

Comunque anche io non ho esperienza diretta con i white, ma ti posso dire che ho svapato l'estratto di Burley LAT sul By-Ka V7 clone fatto al 6% con piena soddisfazione.
Ovviamente lo scotto da pagare è il dover rigenerare ogni 7 ml (2 tank nano per intenderci).
 
Forum Sigaretta Elettronica

Nicolasan

Utente SEF
Registrato
21 Apr 2017
Messaggi
1.500
Gradimento
399
Punti
164
Località
Pianeta Terra
Nome
Nicolasan
Dispositivi in uso
N/D
Atomizzatori in uso
N/D
Proprio ieri sera ho fatto una prima prova con il florance extra dry di lt!

Amabile per carità ma… nulla a che vedere con un bell’estratto di Kentucky di la tabaccheria, un hell’s key di blendfeel, un old kentucky di officine svapo, un Kentucky Tennessee di t3.0!

Non c’è differenza!!! Di più!!! C’è un abisso 😂

Tutto a mio avviso, chiaramente! Magari poi c’è a chi piace più un white o un extra dry.
Forse, prima di aver incominciato a approcciare gli estratti, io stesso avrei preferito la ‘gentilezza’ di questi nuovi liquidi chiarificati.
Ma secondo me sono piatti e monotoni! Bianconeri!!!
Con gli estratti preparati ad un mondo pieno di colori e ricco di sfumature!

Riguardo la tua domanda sulla frequenza di rigenerazione/ricoronatura:
Prima di tutto ti consiglio di usare il by ka v7 in versione nano (soprattutto all’inizio).
Ad ogni tank finito ti consiglio o di rifare tutta la res e lavare velocemente l’atom, o di togliere il cotone, grattare le spire della coil per rimuovere qualche incrostazione e lavare velocemente deck e coil aiutandoti con scivoloni o uno spazzolino.
A quel punto ricotoni e riparti.

Ma come tempi siamo lì!

Una volta presa la mano ed avendo sempre tutto pronto per intervenire ci vogliono circa 5 minuti per effettuare ambo le operazioni.

Con un po’ di pratica ci si può anche attrezzare per una pulizia a secco delle spire e dell’atom ed una ricotonatura al volo (tipo su una panchina del parco o in macchina) ma devi avere sempre con te il minimo indispensabile per poter fare questa operazione: un piccolo cacciavite piatto per grattare le spire, un jig dello stesso diametro della coil utilizzata (per rollarla, e girarla se possibile in modo da raggiungere le incrostazioni meno accessibili), scottex per la pulizia a secco, cotone ed una forbicina per tagliarlo in modo preciso.

Ricorda inoltre che… più spesso ricotoni meno la coil necessità di essere ripulita.

Considera infine che per pulire la coil è molto più semplice farlo utilizzando wire con diametro un po’ più grande.

Ma ti sta arrivando il by ka v7 e quell’atom va a nozze con l’awg27 (che si presta benissimo per pulire facilmente le spire. Un po’ più ostico con l’awg28. Decisamente più complicato con l’awg29 dove a furia di rollare la coil per raggiungere le parti più nascoste, si spezza con più facilità.

Mi raccomando… evita attivazioni a secco e mai dry burn! Le prime le puoi sostituire con brevi attivazioni a wattaggio un po’ più elevato con cotone montato e molto imbevuto di liquido. Il secondo serve solo a rovinare il wire ed a rendere la coil meno longeva!

Ovvio che sono miei pensieri e consigli personali.

C’è chi la pensa diversamente da me e sta a te sperimentare e trovare la tua strada ed i tuoi metodi!
 
Forum Sigaretta Elettronica

Articoli e Guide

Coomenti ad Articoli e Guide

Alto