Fox70

Membro dello Staff
Moderatore
Utente SEF
Registrato
30 Ott 2017
Messaggi
10.310
Gradimento
2.425
Punti
414
Età
52
Località
Napoli
Nome
Dino
Dispositivi in uso
Tanti
Atomizzatori in uso
Troppi
Artcolo pubblicato da Sigmagazine.
Per quattro settimane organizzazioni e cittadini hanno potuto contribuire con suggerimenti e idee. Una decina hanno preso in considerazione il vaping ma soltanto due dall'Italia.

Accedi o Registrati per vedere questo contenuto.
Il 4 Marzo 2020
La sigaretta elettronica entra nel piano europeo contro il cancro [SigarettaElettronicaForum.com]


Ogni anno a 3,5 milioni di persone nella Unione Europea viene diagnosticato il cancro e ogni anno i morti di tumore sono 1,3 milioni. Oltre il 40 per cento dei casi di cancro può essere prevenuto. Per invertire la tendenza e per potenziare la prevenzione, la Commissione europea è in fase di scrittura del Piano europeo di lotta contro il cancro: l’obiettivo è ridurre l’onere che il cancro impone ai pazienti, alle loro famiglie e ai sistemi sanitari. Saranno anche dettate le linee guida che gli Stati membri dovranno attuare con azioni di sostegno, coordinamento e integrazione tra sistema sanitario, pazienti e loro familiari.
Per quattro settimane i cittadini europei hanno potuto contribuire con idee e suggerimenti alla stesura del Piano. I commenti passeranno al vaglio della Commissione che pubblicherà una relazione di sintesi contenente le proposte ricevute e spiegherà come saranno attuate e, se del caso, perché determinati suggerimenti non saranno accolti.
Tra gli oltre 380 suggerimenti redatti soprattutto da medici pediatri e da organizzazioni e associazioni contro il cancro, ce ne sono una decina che hanno preso in considerazione anche lo sviluppo e l’utilizzo della sigaretta elettronica come strumento per abbattere i rischi e i danni da fumo. Dall’Italia hanno contribuito l’organizzazione Open Gate Italia e l’associazione dei genitori Moige. Dall’estero sono arrivati invece i pareri della New Nicotine Alliance, di Sovape, dell’associazione polacca degli operatori del vaping; ma anche di singole persone tra cui Konstantinos Farsalinos, Clive Bates, Louise Ross.

La sigaretta elettronica entra nel piano europeo contro il cancro [SigarettaElettronicaForum.com]


Il fumo – ha scritto Farsalinos, allegando un report di 23 pagine – è il fattore di rischio più importante e prevenibile per il cancro. Qualsiasi strategia per combattere il cancro dovrebbe considerare il fumo come una priorità. Le prove attualmente disponibili sono convincenti nel supportare il rischio di cancro molto più basso delle sigarette elettroniche rispetto alle sigarette di tabacco, l’efficacia delle sigarette elettroniche come sostituti del fumo e i grandi benefici attesi nella salute dei fumatori che passano al consumo di sigarette elettroniche. Sono previsti benefici anche per malattie diverse dal cancro. I cittadini dell’Unione europea devono essere adeguatamente informati della disponibilità e dei vantaggi del passaggio dal fumo al consumo di sigarette elettroniche. Pertanto, le sigarette elettroniche sono uno strumento essenziale nella lotta contro il cancro in Europa“.
Il commento di Andrea Morbelli (Open Gate Italia) ha evidenziato, esempi alla mano, come il vaping potrebbe essere una leva per contrastare notevolmente lo sviluppo delle malattie fumo-correlate. “Incoraggiare la cessazione del fumo grazie allo svapo L’accesso limitato a prodotti alternativi alla nicotina come le sigarette elettroniche, che sono un’alternativa sicura ed efficace al consumo di tabacco, limita il diritto alla salute dei cittadini. Per questo motivo, gli Stati membri dell’Ue devono promuovere alternative per smettere di fumare come il passaggio ai prodotti di svapo. Nel Regno Unito, Public Health England afferma che esistono buone prove per dimostrare che l’uso degli strumenti per smettere di fumare aumenta le possibilità delle persone di smettere, soprattutto se combinato con il servizio e l’approccio per smettere di fumare. Grazie alle intense campagne e all’iniziativa “Stoptober” avviata nel 2012, le sigarette elettroniche sono davvero il primo mezzo per smettere di fumare in Inghilterra. Seguendo le migliori pratiche inglesi, la Francia ha avviato la campagna Moi (s) sans tabac, incoraggiando i fumatori a rinunciare per un mese. Le principali organizzazioni sanitarie e di sanità pubblica del Regno Unito – ha concluso Morbelli – come Public Health England e il Royal College of Physicians stimano che la riduzione del rischio grazie alle sigarette elettroniche sia almeno del 95 per cento“.
 
SEF - E-Cigarette Forum

Sva3d

Membro dello Staff
Moderatore
Utente SEF
Registrato
10 Feb 2018
Messaggi
11.188
Gradimento
2.211
Punti
414
Località
Italia
Nome
Marco
Dispositivi in uso
Troppi XD
Atomizzatori in uso
No Comment XDDD
Accedi o Registrati per vedere questo contenuto.

Non so se è stato tradotto male o volutamente scritto in tale maniera, ma sono profondamente in disaccordo. Dalla mia totale incompetenza, non credo che siano presenti sostanze potezialmente cancerogene nei liquidi in commercio (TPD, leggi e direttive del Ministero della Salute sulla loro commercializzazione in Italia, molto severe) e nella modalità con cui, correttamente, vengono vaporizzati.
La nicotina presente è un veleno e non è cancerogena, il glicole propilenico e la glicerina vegetale non risultano essere cancerogeni poiché non vi è combustione ma vaporizzazione delle componenti, a temperature sotto la soglia di pericolo di formazione di sostanze cancerogene come la formaldeide. Certo se si usano dispositivi rigenerabili bisogna tenere tutte le dovute accortezze per evitare di svapare a potenze che generano un eccessivo riscaldamento della resistenza con conseguente "steccata" per mancanza di liquido.
Riporto le parole, di un intervista ad un luminare in questo campo, il Prof. Veronesi.

Accedi o Registrati per vedere questo contenuto.

Accedi o Registrati per vedere questo contenuto.

Infine la più importante.
Accedi o Registrati per vedere questo contenuto.
Fonte:
Accedi o Registrati per vedere questo contenuto.


Poi sono sempre aperto a nuove testimonianze, sempre e comunque supportate da studi scientifici e non dal sentito dire.
 
Ultima modifica:

Fox70

Membro dello Staff
Moderatore
Utente SEF
Registrato
30 Ott 2017
Messaggi
10.310
Gradimento
2.425
Punti
414
Età
52
Località
Napoli
Nome
Dino
Dispositivi in uso
Tanti
Atomizzatori in uso
Troppi
È probabile che il presunto rischio cancerogeno è da attribuire ad altre sostanze contenute in liquidi pronti, vedi ex diacetile e quant'altro, o per vaporizzazione ad elevato coefficiente di heat flux.
 
Svapo Maximo - Negozio di Sigarette Elettroniche

Sva3d

Membro dello Staff
Moderatore
Utente SEF
Registrato
10 Feb 2018
Messaggi
11.188
Gradimento
2.211
Punti
414
Località
Italia
Nome
Marco
Dispositivi in uso
Troppi XD
Atomizzatori in uso
No Comment XDDD
Ma di per sé non lo è. La frase, nell'articolo è scritta in maniera errata e superficiale. Noi che abbiamo determinate nozioni siamo in grado di discernere, ma il lettore poco avveduto non ci mette che due secondi a trarre conclusioni errate e veicolare messaggi inesatti.
 

Offerte e Sconti

FRAGOLONE Suprem-e Descrizione: Crostatina di fragole con crema...
In Offerta ZELOS NANO -ASPIRE-
Zelos Nano è la nuova aggiunta di Aspire alla famiglia Zelos, si...
RIPLEY MTL/RDL RDTA è stato concepito per affiancare all’incredibile...
ecco disponibili i nuovissimi aromi concentrati di estratti...
Alto