Igiit

SEF Top Contributors
Utente SEF
Registrato
18 Set 2015
Messaggi
2.789
Gradimento
1.207
Punti
218
Località
Udine
Nome
Igi
Dispositivi in uso
SXmini M class, SXmini G-class, IPV5-200, Vt133-DNA200, DNA75, Alien 220W. ...
Atomizzatori in uso
ByKa v7, Ataman v2 se, KFL+
Un recente articolo di Farsalinos & Co comparso su Nature (
Accedi o Registrati per vedere questo contenuto.
) riporta le diverse dinamiche dell'assorbimento di nicotina tra sigarette elettroniche di vecchia e nuova generazione e riporta anche i dati sull'assorbimento da sigarette convenzionali, si veda la figura 4. Risulta che dopo 5 minuti la nicotina assorbita con la sigaretta vera è 3 volte maggiore di quella assorbita con l'elettronica di nuova generazione.

L'aspetto che qui mi interessa mettere in luce è che anche con liquidi molto carichi (18 mg/ml) di nicotina, l'assorbimento rispetto alle sigarette tradizionali è decisamente inferiore. Ciò è interessante perché risponde ad una obiezione ragionevole che mi viene spesso fatta sull'argomento:

"Se svapi 4 ml al giorno di liquido con 9 mg/ml di nicotina, in un giorno assumi 36 mg di nicotina, ovvero la quantità contenuta in 45 delle tue sigarette preferite (camel gialle: 0.8 mg/cig)".

Alla luce del menzionato articolo, l'obiezione è corretta se riferita alla quantità di nicotina che viene inalata, ma è completamente scorretta se riferita alla quantità assorbita. Fare calcoli precisi basandosi sui dati riportati è impossibile perché riferiti a condizioni sperimentali diverse e non viene nemmeno specificato il contenuto di nicotina delle sigarette vere usate, ma quello che conta è la notevole differenza messa in luce.
Val la pena di ricordare che in un precedente articolo del 2013, Farsalinos & co avevano azzardato l'ipotesi che per ottenere con una elettronica lo stesso assorbimento di una tradizionale si dovevano usare liquidi a 24 mg/ml.
 

Markvaping68

SEF Top Contributors
Utente SEF
Registrato
2 Gen 2013
Messaggi
1.517
Gradimento
146
Punti
113
Località
Monza e Brianza
Dispositivi in uso
VTC Mini
Atomizzatori in uso
Kayfun tutti...
Esatto. La quantità di nicotina assunta mediante svapo è di gran lungo inferiore a quella assorbita mediante fumo e l'aritmetica operazione 4x9=36 non è corretta. Parte (anzi buona parte) della nicotina viene in realtà dispersa prima che venga assorbita. Quindi a maggior ragione ben venga l'uso della sigaretta elettronica. Oltre a non inalare tonnellate di schifezze derivanti dalla "combustione", la quantità di nicotina introdotta nell'organismo è minore.
 

Igiit

SEF Top Contributors
Utente SEF
Registrato
18 Set 2015
Messaggi
2.789
Gradimento
1.207
Punti
218
Località
Udine
Nome
Igi
Dispositivi in uso
SXmini M class, SXmini G-class, IPV5-200, Vt133-DNA200, DNA75, Alien 220W. ...
Atomizzatori in uso
ByKa v7, Ataman v2 se, KFL+
E bisogna anche considerare che molti vapers per qualche motivo riducono progressivamente e spontaneamente il contenuto di nicotina dei liquidi passando dai canonici 18 mg/ml iniziali a 4-6 mg/ml.
Credo che la dinamica dell'assorbimento possa avere un certo ruolo. Quando fumi tabacco hai un picco di assorbimento rapido ed elevatissimo per ogni sigaretta per cui durante la giornata è tutto un saliscendi. Quando svapi tendi a diluire i tiri nel tempo in modo più uniforme (non avendo il vincolo di dovere fumare 10-12 tiri di seguito perché altrimenti la sigaretta si consuma da sola) e pertanto la concentrazione plasmatica di nicotina dovrebbe essere quasi costante, senza picchi pronunciati.
Secondo alcuni autori il picco elevato ed immediato di nicotina poco dopo che hai acceso la sigaretta, rafforza l'associazione cerebrale positiva tra l'accensione della bionda ed il benessere: compi il gesto dell'accensione ed ecco che vieni immediatamente ripagato!
Nel caso dello svapo, ma questa è una mia ipotesi, l'associazione è più debole proprio perché l'assorbimento è più lento.
 

Rafs

SEF Top Contributors
Utente SEF
Registrato
30 Set 2015
Messaggi
1.905
Gradimento
277
Punti
163
Località
Marche
Dispositivi in uso
Pioneer Ipv D3
Atomizzatori in uso
Phenomenon
Sono davvero molto interessanti queste osservazioni... e sono curiosa seriamente a riguardo... anche io che è davvero troppo poco per avere un'idea un pochino più ragionata noto differenze sia fisiche che psicologiche tra le bionde e le elettroniche per quanto concerne la frequenza e la quantità di assunzione della nicotina.

Molto probabilmente le industrie del tabacco conoscono molto bene i meccanismi e i famosi picchi di soddisfazione dei loro prodotti, sanno come renderli droghe legali, dunque è plausibile che abbiano studiato per bene il processo fisico/mentale che si innesca in un fumatore.

Personalmente ho sempre trovato che le vere sigarette (le bionde)di gusto erano tre... dopo pranzo, dopo cena e quella del dopo birra, tutte le altre vizio e nevrosi varie. E trovavo la parte finale della sigaretta irrinunciabile piuttosto che la prima parte o addirittura l'accensione che manco aspiravo per non avere il sapore del gas dell'accendino in bocca.

Con la e-cig invece tolto per il discorso nicotina che non si può togliere dall'oggi al domani, è effettivamente un gusto puro e semplice, che emula e appaga anche se in altro modo.

Inviato dal mio SM-T113 utilizzando Tapatalk
 

Luca Tosi

SEF Top Contributors
Utente SEF
Registrato
6 Dic 2013
Messaggi
167
Gradimento
2
Punti
33
Età
50
Località
Canegrate (MI)
Sito Web
www.motardmulisha.com
Dispositivi in uso
Ne ho troppe...
Atomizzatori in uso
Ne ho troppi...
Fin dall'inizio mi dissero che mediamente si assorbe il 60% in meno di quanto è il lkiquido rispetto alle sigarette tradizionali.... direi che non mi dicevano frottole. :)
 

Guide

Iv3shf
Tempo di lettura 4 min.
5,00 stella(e) 1 valutazioni
Visite
515
Gradimento
6
Valutazioni
1
In parte è farina del mio sacco, in parte presa da un vecchio articolo della TPA, che trovo ancora oggi interessante e diventa sempre più attuale visto le normative che sono in aria, fa capire a chi ancora non lo sa, come sono fatti gli aromi, spero vi piaccia, leggetelo con calma quando avete...
Sva3d
Tempo di lettura 1 min.
Visite
1.572
Per calcolare la resistenza interna di una box bisogna avere il dado in rame, chiamato Calibration Tool for DNA200, ad oggi introvabile, parlo di questo: il miglior strumento atto allo scopo, si trovava qui (link), oppure un filo spesso di rame per cortocircuitare un atomizzatore (usatene uno...
Sva3d
Tempo di lettura 2 min.
5,00 stella(e) 3 valutazioni
Visite
1.718
Gradimento
2
Valutazioni
3
Un saluto a tutti ed inizio subito postandovi un video di come si è sempre lavorato un pad di Muji o cotoni organici similari: Bene! Forse per il cloud di un tempo poteva andare anche bene come regola. Sta di fatto che se ne spreca un po' e si perde anche un bel po' di tempo a stare, con...
Touch
Tempo di lettura 10 min.
Visite
1.199
Gradimento
4
Ciao a tutti, stavo leggendo qua e la vari post nel forum, ad un tratto mi hanno colpito alcune righe dove si nominava la qualità dell'acciaio usata per gli ATOM. Ho scambiato qualche parola con @Sva3d e mi son convinto a darvi qualche nozione su questo materiale. Allora per iniziare non farò...
Iv3shf
Tempo di lettura 9 min.
5,00 stella(e) 3 valutazioni
Visite
3.627
Gradimento
11
Valutazioni
3
Una delle cose di cui parlo spesso sono le combinazioni aromatiche, l'articolo precedente ha ormai qualche annetto e andrebbe aggiornato e probabilmente lo farò, per chi non l'avesse letto, ecco il rimando...
Sva3d
Tempo di lettura 2 min.
Visite
3.537
Commenti
8
Come promesso, eccomi a descrivere quale tipo di rigenerazione, in particolare sul cotone, ho testato in questi dieci giorni e più, sperimentando tutti i cotoni più noti (Cloud9, Bacon V2, Bacon Prime, Titanium Fumytech, Titanium Fiber Cotton, Miracle UD, Native Wicks Platinum Plus, Fiber...
Alto