Igiit

SEF Top Contributors
Utente SEF
Registrato
18 Set 2015
Messaggi
2.789
Gradimento
1.207
Punti
218
Località
Udine
Nome
Igi
Dispositivi in uso
SXmini M class, SXmini G-class, IPV5-200, Vt133-DNA200, DNA75, Alien 220W. ...
Atomizzatori in uso
ByKa v7, Ataman v2 se, KFL+
Lo ammetto, quella del cotone è una mia tara. Girovagando per il web si trovano le più disparate opinioni sull'uso del cotone nelle wick. I dati sono abbastanza confusi, c'è chi dice che il degrado termico comincia intorno ai 150 °C altri che dicono 214°C ma trovare riferimenti seri ed affidabili è un'impresa.
L'idea vaga che avevo raccolto fino ad oggi è che, sì il cotone comincia a degradare intorno ai 150°C ma fino a 214°C il degrado è quasi irrilevante.


Oggi sono riuscito a scovare questo articolo di letteratura scientifica
Accedi o Registrati per vedere questo contenuto.

in cui, tra le altre cose, del cotone non trattato viene sottoposto a riscaldamento graduale da 20 a 600 °C misurandone (per termo-gravimetria) la variazione di peso dovuta alla progressiva trasformazione del materiale in sostanze volatili, si veda la figura 1-b, grafico verde.
Quello che si vede sperimentalmente è che a 110 °C il cotone ha perso circa il 6% del suo peso iniziale dovuto interamente all'evaporazione dell'umidità contenuta. Proseguendo, alla temperatura di 160 °C ha perso circa l'7% e da lì ai 200 °C abbondanti il peso rimane costante. A 250°C la perdita è intorno all'8% e a 275°C è di circa 10% dopodichè comincia ad aumentare drasticamente. I dati li ho letti su un grafico in ottima risoluzione ed i valori che ho dato hanno un'incertezza di circa un punto percentuale di peso, ma quello che risulta evidente è che tra I 160 ED I 220 °C il valore è pressochè costante, con variazioni sicuramente inferiori a mezzo punto percentuale.

La conclusione che mi sembra di poter trarre è che, sebbene in cotone cominci a degradarsi intorno ai 150 °C, il fenomeno è molto contenuto fino a 250 °C e oltre mentre è irrilevante sotto i 200-220 °C.

Ovviamente bisognerebbe fare i conti per bene ma è complicato. Una mia wick in cotone per kayfun pesa circa 40 mg ma solo 1/4 della wick è avvolto dalla resistenza Di questi 10 mg solo una piccolissima parte (lo strato più esterno) viene riscaldato a temperature vicine a quelle della resistenza. Se fosse un decimo (e sicuramente è meno) sarebbe 1 mg di cotone che raggiunge i, diciamo, 200 °C, in TC opportunamente regolato. Se di questo milligrammo l'1% viene rilasciato in sostanze volatili significherebbe che inalerei circa 10 microgrammi (ug). Credo (è più una speranza) però che la maggior parte di questi 10 ug vengano rilasciati durante i primi tiri con cotone nuovo, e io, per regola i primi 10 tiri non li inalo.
 

Walter

SEF Top Contributors
Utente SEF
Registrato
16 Giu 2015
Messaggi
645
Gradimento
114
Punti
93
Località
Bologna
Dispositivi in uso
Provari, Esquare rDNA, DaniBox, Evic Vtc Mini, IStickTc40W
Atomizzatori in uso
Kayfun LP, Expromizer, Goliath, Zephirus V1/V2, MorphTank
Ciao igiit, direi che ci siamo e considera pure, per ulteriore sicurezza, che (se non ho capito male dallo studio) il cotone è asciutto, quindi considerando che il nostro è imbevuto di liquido, credo che i limiti di sicurezza siano ulteriormente tranquillizzanti. :drinkingbuddies:
 

Igiit

SEF Top Contributors
Utente SEF
Registrato
18 Set 2015
Messaggi
2.789
Gradimento
1.207
Punti
218
Località
Udine
Nome
Igi
Dispositivi in uso
SXmini M class, SXmini G-class, IPV5-200, Vt133-DNA200, DNA75, Alien 220W. ...
Atomizzatori in uso
ByKa v7, Ataman v2 se, KFL+
@Walter: Ciao. Ma se il cotone è impregnato di liquido la sua temperatura non potrà mai superare quella di ebollizione del liquido che, a meno che uno non svapi VG puro, è sempre inferiore ai 200 C. Il rischio di bruciare il cotone lo corri solo quando il cotone è a secco (se non usi il TC o lo usi male).

L'eccezione, come dicevo, si manifesta se svapi VG in purezza. La glicerina pura evapora a 280 C e a quella temperatura la decomposizione del cotone è in fase avanzata. Il fatto che che il cotone sia impregnato non conta, si decompone lo stesso per termolisi. Decomposizione non è sinonimo di combustione ed è la combustione che non può avvenire in assenza di aria.
Ma che senso ha svapare VG in purezza? Se aggiungi un misero 5% di acqua al VG, la temperatura di ebollizione scende a 160 C circa mettendoti al riparo da qualsiasi rischio.
 

Walter

SEF Top Contributors
Utente SEF
Registrato
16 Giu 2015
Messaggi
645
Gradimento
114
Punti
93
Località
Bologna
Dispositivi in uso
Provari, Esquare rDNA, DaniBox, Evic Vtc Mini, IStickTc40W
Atomizzatori in uso
Kayfun LP, Expromizer, Goliath, Zephirus V1/V2, MorphTank
Ciao@igiit, infatti io Svapo 50/50 VG/PG. Avvaloravo le tue informazioni. Buona giornata.
 

Igiit

SEF Top Contributors
Utente SEF
Registrato
18 Set 2015
Messaggi
2.789
Gradimento
1.207
Punti
218
Località
Udine
Nome
Igi
Dispositivi in uso
SXmini M class, SXmini G-class, IPV5-200, Vt133-DNA200, DNA75, Alien 220W. ...
Atomizzatori in uso
ByKa v7, Ataman v2 se, KFL+
@Walter: anch'io svapo 50/50, ma ho provato il 50/45/5 e non mi dispiace per nulla. Ho chiesto ad una chimica di mia conoscenza di calcolare la temperatura di ebollizione delle miscele ternarie PG/VG/H2O al variare dei rapporti e presto (spero) avrò i risultati che pubblicherò.
 

Walter

SEF Top Contributors
Utente SEF
Registrato
16 Giu 2015
Messaggi
645
Gradimento
114
Punti
93
Località
Bologna
Dispositivi in uso
Provari, Esquare rDNA, DaniBox, Evic Vtc Mini, IStickTc40W
Atomizzatori in uso
Kayfun LP, Expromizer, Goliath, Zephirus V1/V2, MorphTank
@Walter: anch'io svapo 50/50, ma ho provato il 50/45/5 e non mi dispiace per nulla. Ho chiesto ad una chimica di mia conoscenza di calcolare la temperatura di ebollizione delle miscele ternarie PG/VG/H2O al variare dei rapporti e presto (spero) avrò i risultati che pubblicherò.
Questa sarebbe una grande cosa per tutti gli utenti del forum!!!:bravo:
 

Guide

Iv3shf
Tempo di lettura 4 min.
5,00 stella(e) 1 valutazioni
Visite
552
Gradimento
6
Valutazioni
1
In parte è farina del mio sacco, in parte presa da un vecchio articolo della TPA, che trovo ancora oggi interessante e diventa sempre più attuale visto le normative che sono in aria, fa capire a chi ancora non lo sa, come sono fatti gli aromi, spero vi piaccia, leggetelo con calma quando avete...
Sva3d
Tempo di lettura 1 min.
Visite
1.595
Per calcolare la resistenza interna di una box bisogna avere il dado in rame, chiamato Calibration Tool for DNA200, ad oggi introvabile, parlo di questo: il miglior strumento atto allo scopo, si trovava qui (link), oppure un filo spesso di rame per cortocircuitare un atomizzatore (usatene uno...
Sva3d
Tempo di lettura 2 min.
5,00 stella(e) 3 valutazioni
Visite
1.753
Gradimento
2
Valutazioni
3
Un saluto a tutti ed inizio subito postandovi un video di come si è sempre lavorato un pad di Muji o cotoni organici similari: Bene! Forse per il cloud di un tempo poteva andare anche bene come regola. Sta di fatto che se ne spreca un po' e si perde anche un bel po' di tempo a stare, con...
Touch
Tempo di lettura 10 min.
Visite
1.219
Gradimento
4
Ciao a tutti, stavo leggendo qua e la vari post nel forum, ad un tratto mi hanno colpito alcune righe dove si nominava la qualità dell'acciaio usata per gli ATOM. Ho scambiato qualche parola con @Sva3d e mi son convinto a darvi qualche nozione su questo materiale. Allora per iniziare non farò...
Iv3shf
Tempo di lettura 9 min.
5,00 stella(e) 3 valutazioni
Visite
3.712
Gradimento
11
Valutazioni
3
Una delle cose di cui parlo spesso sono le combinazioni aromatiche, l'articolo precedente ha ormai qualche annetto e andrebbe aggiornato e probabilmente lo farò, per chi non l'avesse letto, ecco il rimando...
Sva3d
Tempo di lettura 2 min.
Visite
3.606
Commenti
8
Come promesso, eccomi a descrivere quale tipo di rigenerazione, in particolare sul cotone, ho testato in questi dieci giorni e più, sperimentando tutti i cotoni più noti (Cloud9, Bacon V2, Bacon Prime, Titanium Fumytech, Titanium Fiber Cotton, Miracle UD, Native Wicks Platinum Plus, Fiber...
Alto