Markvaping68

SEF Top Contributors
Utente SEF
Registrato
2 Gen 2013
Messaggi
1.517
Gradimento
146
Punti
113
Località
Monza e Brianza
Dispositivi in uso
VTC Mini
Atomizzatori in uso
Kayfun tutti...
La strana storia della sigaretta elettronica

Ha avuto più successo un brutto tubetto a vapore che tante nobili campagne contro il fumo. Bene comunque. L’obiettivo è ridurre i danni delle sigarette, soprattutto tra i giovani: non appuntarsi medaglie sul petto.
Il problema, infatti, esiste e resiste. Se non credete alle cifre – il 22,3% degli italiani fuma, solo 1,5% meno di dieci anni fa – fatevi un giro fuori da una discoteca o in un reparto di pneumologia. Certo, qualcosa è stato fatto. Il divieto di fumo nei luoghi pubblici (legge Sirchia) è tra i provvedimenti migliori dei governi Berlusconi, insieme alle norme sullo stalking (legge Carfagna). A dimostrazione che quando s’impegna – oppure si distrae? – anche il Cavalier Catastrofe ne imbrocca qualcuna.
Il successo commerciale delle sigarette elettroniche, nate in Cina nel 2003, è sotto gli occhi di tutti. I negozi che le vendono spuntano come funghi, e gli “svaporatori” appaiono nei luoghi più impensati, felici della loro nuova impunità. Mantengono gestualità e ritualità; e credono di ridurre i danni. Non fumo – ho smesso trent’anni fa – ma conosco molti fumatori accaniti. Gli adulti m’immalinconiscono, i ragazzi mi preoccupano. Ben vengano le novità, se servono ad aiutarli.
E’ vero: mancano test scientifici approfonditi (avanti, cosa si aspetta?). Ed è indiscutibille: gli “svaporatori” spesso esagerano. Nei bar e nei ristoranti, dove i loro aromi non sono a tutti graditi; al cinema, dove il vapore disturba la visione. Ma il vapore, sia pure insaporito, non può fare più danno di catrame, nicotina e centinaia di schifezze assortite che il fumatore tradizionale s’infila nei polmoni. La percentuale di nicotina utilizzata nella sigaretta elettronica durante la fase di disintossicazione? Certo non fa bene. Ma resta una percentuale, no?
E’ presto per dire che abbiamo trovato la panacea antifumo, mi spiegano amici medici competenti in materia. In molti Paesi dell’Unione Europea (tra cui Belgio, Germania, Ungheria, Portogallo, Finlandia, Svezia) le sigarette elettroniche contenenti nicotina sono gestite come prodotti farmaceutici. In Francia sono regolamentate se utilizzate a scopo terapeutico. Nel Regno Unito sono in via di regolamentazione. In altri paesi (tra i quali Australia, Canada, Norvegia, Brasile, Cina, Thailandia, Singapore e Turchia) sono vietate in attesa di valutazione definitiva.
A queste lungaggini forse non è estranea l’industria del tabacco, notoriamente attiva; e neppure i governi, che con le sigarette ci guadagnano. Dieci anni fa – ricordate? – la lobby del fumo ha provato a bloccare la legge Sirchia, mobilitando tanti ingenui e alcuni furbi, secondo cui il divieto era “illiberale” (sic). Le è andata male. Tenterà ora di sabotare la sigaretta elettronica, creando difficoltà regolamentari e d’altro genere? Vedremo. Nell’attesa, s’invitano le autorità competenti a decidere. In fretta. Perché i fumatori hanno già deciso: “svaporano” soddisfatti, convinti d’aver scelto, se non il bene, almeno il male minore.
Come noi elettori il 24 febbraio, più o meno.
(dal Corriere della Sera)
 

Guide

Iv3shf
Tempo di lettura 4 min.
Visite
190
Gradimento
6
In parte è farina del mio sacco, in parte presa da un vecchio articolo della TPA, che trovo ancora oggi interessante e diventa sempre più attuale visto le normative che sono in aria, fa capire a chi ancora non lo sa, come sono fatti gli aromi, spero vi piaccia, leggetelo con calma quando avete...
Sva3d
Tempo di lettura 1 min.
Visite
1.439
Per calcolare la resistenza interna di una box bisogna avere il dado in rame, chiamato Calibration Tool for DNA200, ad oggi introvabile, parlo di questo: il miglior strumento atto allo scopo, si trovava qui (link), oppure un filo spesso di rame per cortocircuitare un atomizzatore (usatene uno...
Sva3d
Tempo di lettura 2 min.
5,00 stella(e) 3 valutazioni
Visite
1.508
Gradimento
2
Valutazioni
3
Un saluto a tutti ed inizio subito postandovi un video di come si è sempre lavorato un pad di Muji o cotoni organici similari: Bene! Forse per il cloud di un tempo poteva andare anche bene come regola. Sta di fatto che se ne spreca un po' e si perde anche un bel po' di tempo a stare, con...
Touch
Tempo di lettura 10 min.
Visite
1.077
Gradimento
2
Ciao a tutti, stavo leggendo qua e la vari post nel forum, ad un tratto mi hanno colpito alcune righe dove si nominava la qualità dell'acciaio usata per gli ATOM. Ho scambiato qualche parola con @Sva3d e mi son convinto a darvi qualche nozione su questo materiale. Allora per iniziare non farò...
Iv3shf
Tempo di lettura 9 min.
5,00 stella(e) 3 valutazioni
Visite
3.074
Gradimento
11
Valutazioni
3
Una delle cose di cui parlo spesso sono le combinazioni aromatiche, l'articolo precedente ha ormai qualche annetto e andrebbe aggiornato e probabilmente lo farò, per chi non l'avesse letto, ecco il rimando...
Sva3d
Tempo di lettura 2 min.
Visite
3.030
Commenti
8
Come promesso, eccomi a descrivere quale tipo di rigenerazione, in particolare sul cotone, ho testato in questi dieci giorni e più, sperimentando tutti i cotoni più noti (Cloud9, Bacon V2, Bacon Prime, Titanium Fumytech, Titanium Fiber Cotton, Miracle UD, Native Wicks Platinum Plus, Fiber...
Alto