Francoo44

SEF Top Contributors
Utente SEF
Registrato
9 Ago 2013
Messaggi
181
Gradimento
12
Punti
33
Località
Prov di Verona
Dispositivi in uso
Ego
Atomizzatori in uso
CE 4
In una recente discussione un vaper ha paragonato AAMS alla Polizia Stradale il cui compito è semplicemente di far rispettare il Codice della Strada scritto dal Legislatore. Purtroppo il paragone non regge. Vediamo perché.


Il monopolio è nato con due scopi principali: rendere disponibili alla popolazione prodotti difficili da reperire, vedi il Chinino di Stato ed agire da ammortizzatore nei confronti di speculazioni su prodotti considerati di prima necessità. Il monopolio agiva quindi come calmierante sui prezzi di prodotti a rischio e difendeva la popolazione da azioni speculative. (Sì, sembra assurdo, se visto con gli occhi di oggi)


Con il passare degli anni, il monopolio si è trasformato nell’agenzia preposta ad incassare le accise. Attenzione però: il modello non è di certo quello delle agenzie fiscali, bensì quello del concessionario pubblico. L’esempio più calzante è quello della vecchia SIP, azienda che agiva in regime di monopolio ed incassava (lo fa pure ora) l’imposta chiamata “Tassa di Concessione Governativa”.


Se torniamo alle nostre strade, la Polizia Stradale deve essere assimilata alla Guardia di Finanza, unica e vera entità preposta a far rispettare la legge in materia fiscale. AAMS può invece essere paragonata alla vecchia “Società Autostrade” quando era ancora un’azienda pubblica di proprietà dell’IRI. AAMS è di fatto il concessionario esclusivo per la vendita dei tabacchi sul territorio nazionale con pieno potere di assegnazione delle licenze.


Abbiamo quindi un settore del mercato che non si è modernizzato come invece hanno fatto nel settore delle infrastrutture (Autostrade, Telecomunicazioni, Ferrovie, Servizi Postali, ecc.). Ricordo inoltre che la liberalizzazione dei mercati è uno degli elementi cardine della Comunità Europea.


Ma quali conseguenze genera questa situazione?


Primo problema: i costi. AAMS incassa un’enorme massa di denaro per conto dello stato. Al netto ovviamente dei costi di gestione di AAMS stessa. Ma quanto costa? Non lo sappiamo. Sappiamo di sicuro che agisce in un regime dove non deve rendere conto di ciò. Non ha concorrenza, non ha ottenuto la concessione partecipando ad una gara d’appalto come avviene invece per tutti i settori liberalizzati. (Anche la RAI prossimamente parteciperà ad una gara d’appalto per la gestione del servizio informativo pubblico!).


Secondo problema: è un’agenzia pubblica ed in quanto tale legata a doppio filo con la classe politica. La storia ci insegna quanto sia pericolo questo tipo di legame, ed esiste una forte spinta dalla Comunità Europea per cambiare questo modello operativo.


Immaginiamo la contestazione: “AAMS deve raccogliere le accise, non la possiamo eliminare”. Quasi tutti i paesi del mondo e sicuramente tutti i paesi europei, hanno accise su Tabacchi lavorati, Alcool ed Energia. Ma siamo rimasti uno degli ultimi paesi ad avere questo tipo di struttura monopolistica. Far pagare le accise è compito dell’Agenzia delle Entrate, non del concessionario monopolistico. E comunque non è assolutamente necessario che sia un’agenzia pubblica della cui efficienza non abbiamo alcuna certezza.


Dott. Cottarelli: c’è una spending review da implementare e lei è stato assunto per questo. Ecco qui una bella opportunità per iniziare bene il suo lavoro.
 

Markvaping68

SEF Top Contributors
Utente SEF
Registrato
2 Gen 2013
Messaggi
1.517
Gradimento
146
Punti
113
Località
Monza e Brianza
Dispositivi in uso
VTC Mini
Atomizzatori in uso
Kayfun tutti...
Dott. Cottarelli: c’è una spending review da implementare e lei è stato assunto per questo. Ecco qui una bella opportunità per iniziare bene il suo lavoro.
Ottime considerazioni! Ero arrivato a 3/4 della lettura e stavo già pensando a Cottarelli... ma alla fine l'hai scritto prima tu. Perfetto!
Fateci caso però... (e correggetemi se sbaglio)... NESSUNO ha mai pensato di radere al suolo l'AAMS che, all'atto pratico, non serve più a nulla. Siamo sempre di fronte al solito... noiosissimo... italico problema di non riuscire a eliminare le spese inutili :mad-new:
Eppure teoricamente basta poco! La logica dovrebbe portare tutti a pensare che una "cosa" che non serve... la si butta. Certo, ci sono di mezzo posti di lavoro che vanno salvaguardati... ma ci sarà sicuramente di mezzo un dirigente con qualche "mila" euro...
Eh beh... ma "logica" e "politica" non riescono ad andare d'accordo (in Italia). Del resto... quale peggiore umiliazione potevamo subire ieri quando l'Europa ha sentenziato che la corruzione nei 28 paesi della UE è pari a 120 miliardi di euro... 60 dei quali solo nel nostro paese? Non so voi... ma io mi sono vergognato.
Tempi. In Italia poi c'è il problema dei tempi faraonici per certi cambiamenti epocali. Cominciamo col dire che se domani con decreto "alla tagliola" si decide che l'AAMS va dinamitato... leggendo bene il testo della norma ci sarà scritto sicuramente qualcosa del tipo "a partire dal 2018"... o giù di li (un po' come per il finanziamento pubblico, nonostante le "parole" di Letta).
Poi il ritmo della dismissione sarà pachidermico e da latte alle ginocchia per concludersi nel 2032 (salvo qualche ulteriore proroga... tanto in voga nel nostro sistema parlamentare).
E intanto i soldi (nostri) se ne vanno....
 

Guide

Iv3shf
Tempo di lettura 4 min.
5,00 stella(e) 1 valutazioni
Visite
810
Gradimento
6
Valutazioni
1
In parte è farina del mio sacco, in parte presa da un vecchio articolo della TPA, che trovo ancora oggi interessante e diventa sempre più attuale visto le normative che sono in aria, fa capire a chi ancora non lo sa, come sono fatti gli aromi, spero vi piaccia, leggetelo con calma quando avete...
Sva3d
Tempo di lettura 1 min.
Visite
1.761
Per calcolare la resistenza interna di una box bisogna avere il dado in rame, chiamato Calibration Tool for DNA200, ad oggi introvabile, parlo di questo: il miglior strumento atto allo scopo, si trovava qui (link), oppure un filo spesso di rame per cortocircuitare un atomizzatore (usatene uno...
Sva3d
Tempo di lettura 2 min.
5,00 stella(e) 3 valutazioni
Visite
1.967
Gradimento
2
Valutazioni
3
Un saluto a tutti ed inizio subito postandovi un video di come si è sempre lavorato un pad di Muji o cotoni organici similari: Bene! Forse per il cloud di un tempo poteva andare anche bene come regola. Sta di fatto che se ne spreca un po' e si perde anche un bel po' di tempo a stare, con...
Touch
Tempo di lettura 10 min.
Visite
1.368
Gradimento
4
Ciao a tutti, stavo leggendo qua e la vari post nel forum, ad un tratto mi hanno colpito alcune righe dove si nominava la qualità dell'acciaio usata per gli ATOM. Ho scambiato qualche parola con @Sva3d e mi son convinto a darvi qualche nozione su questo materiale. Allora per iniziare non farò...
Iv3shf
Tempo di lettura 9 min.
5,00 stella(e) 3 valutazioni
Visite
4.119
Gradimento
11
Valutazioni
3
Una delle cose di cui parlo spesso sono le combinazioni aromatiche, l'articolo precedente ha ormai qualche annetto e andrebbe aggiornato e probabilmente lo farò, per chi non l'avesse letto, ecco il rimando...
Sva3d
Tempo di lettura 2 min.
Visite
3.961
Commenti
8
Come promesso, eccomi a descrivere quale tipo di rigenerazione, in particolare sul cotone, ho testato in questi dieci giorni e più, sperimentando tutti i cotoni più noti (Cloud9, Bacon V2, Bacon Prime, Titanium Fumytech, Titanium Fiber Cotton, Miracle UD, Native Wicks Platinum Plus, Fiber...
Alto