Svapo's - Vendita Sigarette Elettroniche e prodotti per lo svapo
Svapo e Basta - Sigarette Elettroniche e Vaporizzatori
Svapoloco
Outlet dellla Sigaretta Elettronica
Adesso Svapo - Shop di Vendita Online di Sigarette
Svapo Magic - Vendita Sigarette Elettroniche e Liquidi
Senza Filtro


FFv1_111.jpg

L'OMOGENEIZZATORE DI LIQUIDI ITALIANO

Acceleriamo la maturazione dei liquidi.

NASCE IL PROTOTIPO ITALIANO!

L'Omogeneizzatore è la novità di quest'anno, noi abbiamo creato un mini omogeneizzatore ottimizzato per i liquidi da svapo, che riduce o elimina totalmente i tempi di invecchiamento.
Ma perché usare un omogeneizzatore? Tutti sappiamo che un mix è un amalgama di molecole diverse che all'inizio hanno una composizione a sé stante, un liquido composto da PG/VG/Aromi e Nicotina per chi la usa, a per forza molecole con dimensioni diverse e si è notato che le molecole dopo lo steeping si sono uniformate e conglogabate, in pratica il tempo. l'azione meccanica e in parte l'ossigeno le hanno uniformate o conglobate tra loro.
Da questo ragionamento sono partite delle sperimentazioni per ottimizzare questo processo, I metodi principali per omogeneizzare a oggi sono due: 1) Ultrasonico o 2) Meccanico, nelle sue varie forme, a taglio, meccanico e a pressione.
Con l'omogeneizzatore ultrasonico il mix si riscalda e riscaldando il mix, si tende a perdere le note volatili, si introduce ossigeno che potrebbe ossidare il tutto, invece con l'omogeneizzatore meccanico si evita.
La nostra scelta, vuoi per facilità costruttiva e per reperibilità dei pezzi si è concentrata sull'omogeneizzatore a taglio ad alta velocità, detto anche High Shear Homogenizer.
I risultati dopo le prime prove sono stati strabilianti, la comparazione tra ricette infuse con il tempo e con l'omogeneizzatore sono state già fatte con i liquidi più difficili, custard, caramelli, toffee, tabacchi, fruttati.
Con l'H&V non si creano vortici e non si introduce ossigeno, quindi niente ossidazione e non si perdono le volatili, p.e. quelle della frutta e dei tabacchi, liquido infuso ma fresco, ma c'è tanto da spiegare e parlare.
Io e un professionista @Fabiano , abbiamo realizzato il prototipo "made in Italy" costruito in acciaio alimentare, boccole alimentari, motore a 24000 giri.. E anche la valigetta con controller in PWM e telecomando.

A questo punto credo di aver attirato la vostra attenzione e andiamo nel dettaglio.

Provate a pensare che i vostri beneamati mix, che siano scomposti premiscelati, cremosi, torte, vaniglie, frutta, cocktail o tabacchi siano pronti subito, senza dover aspettare settimane o mesi prima che si infondano… perché ho detto si infondano?

Tempo fa, una parola che ho portato in Italia per descrivere questo processo quando ho scritto i tutorial sul mixing è la parola steeping (infusione), ma anch’essa è effettivamente impropria, tanto quanto maturazione, l’infusione o steeping è l’immissione di un solido in un liquido, quindi non adatta, sarebbe più giusto dire invecchiamento o anche aging.

In passato ho contestato, ma lo faccio tuttora, la parola maturazione, dal mio punto di vista la maturazione non è che il punto di partenza verso la marcescenza, un esempio classico è la fragola e i suoi stadi, la frutta matura, NON i nostri liquidi.
Oggi chiaramente cambieremo questo termine e lo definiremo in maniera esatta, abbiate la pazienza di continuare a leggere.

Sono anni che tutti ci siamo arresi al fatto che l’unico vero metodo, perciò che i nostri amati liquidi siano al meglio della loro forma è, scuoterli ogni giorno, evitare la luce e dargli tempo, giorni, settimane, mesi e in alcuni casi (limite) anche anni!!!!

Per velocizzare questo processo è stato provato di tutto, e la fantasia a livello mondiale si è scatenata: basta cercare su un motore di ricerca la parola "maturazione dei liquidi" e viene fuori di tutto, bagni caldi tipo terme, termosifoni, scomparto dei guanti nella macchina, asciugacapelli, Slowcooker, bagni ultrasonici, riso caldo in microonde, shake ogni giorno, shake con avvitatore, agitatore magnetico a caldo a freddo, bottiglie aperte per 12 ore (per far evaporare l’alcol, INAWERA docet) spruzzare ossigeno dentro… tipo idromassaggio, e non scherzo :

ossi2.jpg
ossi3.jpg



Quindi la fantasia a livello mondiale si è scatenata senza successo o con dei successi parziali, per poi ritornare allo shake giornaliero, lo metto allo scuro e lo dimentico...

Ma cos’è la “maturazione”? Provando a darne una definizione, è quel processo dove le molecole di diverse dimensioni si combinano tra loro formando un aroma unico omogeneo. Questo è quello che succede con l’azione meccanica, (shake giornaliero), e il tempo, amalgama

Cosa si deve EVITARE in questo processo per non rovinare il mix e mantenere il più possibile l’aromaticità?

Principalmente quattro cose:

1) L’introduzione di ossigeno perché aumenta l’ossidazione, e un processo non augurabile, una delle ragioni per cui la nicotina va SEMPRE introdotta dopo l’invecchiamento e non vanno mai usati frullini e ammennicoli simili, niente agitatori magnetici che creano vortici e introducono ossigeno.
2) Il calore ad alte temperature, vuoi o no, fa evaporare le molecole volatili. Cosa sono le molecole volatili? Sono quelle che danno l’odore alla frutta, quelle che senti con il naso, un vecchio detto dei mixer è: Se lo senti nella stanza, non è nel mix. Anche qua, niente frullini, e peggio ancora agitatori con piastre scaldanti bagni ultrasonici con bottiglia aperta, anche lasciando la bottiglia aperta (Inawera docet), si perdono tante volatili.

Nota al volo: ma le volatili nel nostro liquido le sentiamo veramente?? Ok, tappatevi il naso e svapate, adesso svapate con il naso aperto.. e vedrete la differenza, (con il raffreddore è uguale) Ci siamo? Ok!
3) La luce, la luce può ossidare gli aromi e sicuramente la nicotina.
4) Il tempo! Ma come, prima dici che è l’unico metodo e adesso lo metti nelle cose da evitare?
Sì, nonostante sia il metodo migliore, se gestito male è controproducente, un esempio classico è la vaniglia, da subito fa schifo, a tre settimane raggiunge l’apice che può durare per ancora due tre settimane, ma poi comincia a decadere e perdersi, per questa ragione tanti mixer esperti, introducono gli aromi, gestendoli in tempi diversi, p.e. la frutta l’ultima settimana. L’eccesso, a parte alcuni casi famosi, è dannoso, il mix non saprà più di niente avrà perso tutta la sua forza, avrà perso le molecole volatili e tendenzialmente sarà ossidato... e qualche altro aroma avrà preso il sopravvento.


Siete ancora qui? Che impavidi, ma fino ad adesso scherzavo, e questo lo sapevate, quindi proseguiamo.

Quindi questo è l’antefatto, cosa succede veramente nel nostro liquido?

In un liquido le forze intermolecolari non sono tanto elevate da trattenerle come in un solido, in un liquido sono in...
Per poter visualizzare il contenuto completo di questo tutorial sui liquidi, è necessario accedere al Forum. Accedi o registrati ora.

Fonte originale

  • Frank -Iv3shf
Informazioni sull'autore
Iv3shf
Radioamatore, Strimpellare la chitarra

Commenti

Che dire, complimenti al vostro lavoro, studio ed impegno nel realizzare uno strumento che permetta di azzerare i tempi di attesa. Li chiamo tempi perché da oggi l'omogeneizzazione dei nostri "intrugli" ha una nuova veste. :giggle:
Inoltre la spiegazione del "cosa" era prima, durante e dopo, è di una linearità e comprensibilità disarmante, infatti: "rem tene verba sequentur" ovvero "abbi chiaro l'argomento del tuo discorso e le parole verranno da sole".
 
Che dire, complimenti al vostro lavoro, studio ed impegno nel realizzare uno strumento che permetta di azzerare i tempi di attesa. Li chiamo tempi perché da oggi l'omogeneizzazione dei nostri "intrugli" ha una nuova veste. :giggle:
Inoltre la spiegazione del "cosa" era prima, durante e dopo, è di una linearità e comprensibilità disarmante, infatti: "rem tene verba sequentur" ovvero "abbi chiaro l'argomento del tuo discorso e le parole verranno da sole". ;)
Da tenere anche presente che una corretta miscelazione garantisce uno svapo sicuro! Se penso alle temperature ho maggior garanzia che settata bene la box con un liquido così omogeneo potrò avere la tranquillità che la temperatura di taglio impostata sia assolutamente idonea ?
 
anni e anni spesi in intensi allenamenti di potenziamento muscolare per affinare la posizione del polso per lo shaker migliore,
trepidanti e amorevoli cure alle boccette nascoste nel buio dell'armadietto in attesa del giorno tanto atteso,
vocaboli ed epiteti ormai vetusti e svuotati del loro romantico contenuto...
li vedo già, vagare per la casa con la boccetta in mano, agitando il polso alla ricerca delle certezze perdute...
Frank, hai distrutto le certezze di tutti loro, hai dissacrato il mito...
 
Buongiorno a tutti , scusate se rispondo solo adesso , ma gli impegni lavorativi non mi hanno permesso di stare collegato.

Prima di lasciare un indirizzo mail dove potete contattarci , vorrei anche chiarire una cosa:

Come gia' detto siamo prima di tutto appassionati, e non commercianti , e questo lo dimostra il tempo dedicato a questo progetto anche a discapito del nostro tempo libero.

La nostra volonta' ed anche direttiva primaria del nostro team, e' sempre stata quella di rendere il progetto open source una volta terminato.

Non ci sarebbe voluto niente a vendere il progetto ai cinesi , ma sinceramente non e' questa la nostra visione di community.

Chiaramente pero' ci rendiamo conto che non tutti sono pratici con lavorazioni meccaniche oppure elettronica seppur di basso contenuto. Per questo abbiamo creato una casella di posta dove chiunque sia interessato puo' contattarci e noi cercheremo di dare una risposta.

Siamo anche disposti a creare noi "chiavi in mano" il prodotto , con tempi e costi da stabilire.

Ricordate che questo per noi e' una passione e non un lavoro...................

Per qualsiasi info contattateci a questa mail

[email protected]



grazie
 
Immagina di avere un tabacco, un Kentucky ad esempio, lo vuoi aromatizzare con un frutto, un limone o mandarino, il caffè, ma sai che i tempi di "MATURAZIONE" dei due ingredienti NON sono uguali... con H&V puoi omogeneizzare gli ingredienti e testare il risultato in poche ore mentre fino ad oggi, spesso desistevi...

il fusion organico+sintetico è una nuova frontiera del mixing che sarà alla portata di molti...
 
Si aprono degli scenari che prima non erano pensabili, al volo questa mattina me ne sono venuti in mente un pochi:

Black cavendish, burley virginia e Mango.
Un Virginia o anche WhiteBurley al Cocco e Cherimoya.
Burley, Virginia, Cream e Banana.
Modificare un Virginia con Black Fire e lo fai diventare un fire cured
Un Kentucky Latakia Perique con sciroppo d'Acero

Così senza pensare troppo!
 
Ottimo adesso potrai provare a farli a volo e vedere quale ti sia venuto meglio, così se me lo mandi anche lo assaggio volentieri. :D
Ma se proprio insisti li proverò tutti e 5 così ti faccio sapere se l'omogenizzatore funziona. :D
Si scherza ovviamente, ma nel caso resto disponibile per fare da cavia :) o meglio da assaggiatore :)
 

Tutorial sui Liquidi information

Autore
Iv3shf
Visite
5.175
Commenti
110
Last update

Altro di Iv3shf

Condividi questo tutorial sui liquidi

Alto