Questo breve intervento vuole rimarcare come l'efficienza reale dei nostri sistemi di svapo sia molto bassa. La scienza sarà poca ed il post ha puro valore aneddotico .

L'ultima arrivata in casa mia è la Yihi SXmini G-class e fin dai primi giorni di utilizzo mi son reso conto che la sua autonomia è ben superiore alle altre due dual battery che possiedo, la VT133 di Hcigar (con circuito DNA200 in configurazione 133) e la IPV 5 di Pioneer4You (dotata di circuito Yihi sx330).
In pratica con due celle Samsung 30Q nuove ci faccio circa 12 ml di liquido , ovvero un giorno e mezzo di vaping, mentre con le altre due box non arrivo a fine giornata (usando le stesse celle). Per la precisione, io svapo a 20W in power mode ed uso liquidi 60VG/40PG.

12 ml potrebbero sembrare un ottimo risultato ma facendo due conti ci si rende conto che è davvero poco.

Intanto la SX-G-class misura anche l'energia fornita alla coil da quando vengono inserite le batterie. Nel mio caso ai 12 ml svapati corrispondono 46240 J.
Le celle Samsung 30Q a 10W riescono a fornire 9223Wh fino alla tensione sotto carico di 3V, che corrispondono a 33200 J (dati di dampfakkus, si veda qui: Samsung SDI INR18650-30Q Akkutest in der Dampfakkus.de AkkuDB) per cella, 66400 J in totale.
Fortunatamente 3V per cella è esattamente la tensione di cut-off della SX-G-class e pertanto la mia box assorbe dalle celle 66400 J ma eroga alla coil solo 46240 J corrispondenti al 70%.
Se la misura dell'energia erogata falla box è corretta, ciò significa che l'efficienza reale della SX-G-class è del 70%.
Sicuramente l'efficienza del circuito buck-boost (quella che quasi tutti i produttori dichiarano) sarà elevatissima e non mi meraviglierebbe se fosse del 90% o superiore, ma sicuramente un un sacco di energia viene sprecata in altro.
Quanto influisca l'assorbimento dello schermo TFT a colori non lo so, farò delle prove riducendo luminosità e tempo di accensione dello schermo (che per default rimane acceso 30 secondi dopo che si è premuto un tasto).

Detto questo, il calore strettamente necessario per far evaporare 12 ml di 60/40 è 22212 J (1851 J/ml, si veda il mio post: Stima Dell'autonomia Di Una Batteria in Termini Di Millilitri Di Liquido), mentre all'atomizzatore ne arrivano 46240, il che significa che l'efficienza dell'atomizzatore è del 48%.

Per tirare le somme, a fronte dei 22212 J strettamente necessari per evaporare 12 ml di 60/40, per svaparli realmente sono necessari 66400 J, il che significa che l'efficienza complessiva del sistema di vaping è del 33% , valore che si può ottenere anche moltiplicando l'efficienza della box per l'efficienza dell'atomizzatore (0.7 * 0.48)*100.
Fa ridere che qualcun si preoccupi che l'efficienza dichiarata del suo circuito è del 90% invece che del 94%.



Update 13/04/17

Ho abbassato sulla SXmini-G-class la luminosità al 30% (di default è al 60) ed in effetti qualcosa si risparmia: si riescono ad erogare 49181 J invece che 46240 J. Tra l'altro la luminosità al 30% è più che sufficiente in ambiente domestico ed anche all'esterno non in pieno sole. Purtroppo sembrerebbe che il tempo di accensione dello schermo non possa essere inferiore a 30s.


Update 20/04/17

In TC si guadagna ancora un pò: sono riuscito ad erogare alla coil 51036 J per farmi qualcosa più di 12 ml di liquido 60/40 (TC regolato a 230 °C - 40J)
  • Like
Apprezzamenti: Marko
Informazioni sull'autore
Igiit
Igi Pit

Electronics, Physics, Mechanics, C++

Informazioni Contenuto

Autore
Igiit
Visite
498
Last update

Altro di Igiit

Condividi questo contenuto

Alto